Proverbi e Culture

"Stare una picata", "tascio" e "cassariarsi": origine dei modi di dire palermitani - Blog Parliamo di modi di dire palermitani, modi che è capitato un po’ a tutti di usare, spesso senza sapere perché si dice così… oggi ve lo spiego io! o almeno ci provo.

A tu si ca si omu...no to suru! Tu si che sei un uomo......no tua sorella! A vigna si chianta quannu u vinu 'un vali nenti  il vigneto va piantato quando il vino non ha valore di

Amara cu soffri e cornutu cu nun lu aiuta amaro chi soffre cornuto chi non l'aiuta Cu joca sulu vinci chi gioca solo vince

Ci sono dei verbi che anche noi siciliani abbiamo ormai dimenticato e pressoché abolito dal nostro dialetto, sostituendoli con dei sinonimi o con delle forme “ambigue”, magari direttamente  “sicilianizzate” dall’italiano.

Nun purmintiri a li santi diuna né a li  carusi cudduruna. Non promettere ai santi digiuni né ai ragazzi focacce. Cu  spranza di l’antri sta, la so pignata ‘nu vuddi ma. Non bolle mai la pentola di chi sta a speranza di altri.

Spesso ascoltando parlare correntemente il Siciliano si incontra difficoltà a comprendere certe espressioni che, tradotte letteralmente in italiano, sembrano prive di significato o hanno un significato che non lega con il resto del discorso.

La lontananza ‘un abbannuna amuri, chiuttostu minti ‘na vampa ‘ni lu cori. La lontananza non fa diminuire l’affetto, anzi accende un fuoco nel cuore. Muglieri onesta, tesoru ca resta. Moglie onesta, tesoro che resta.