la Terza Pagina

DRAGUNERA: l’uomo che fermò il vento, ma non conquistò la Luna. (racconto di Agostino Spataro) Ioppolo Giancaxio / Realturco, la Pastorale, fine anni '50. Primo episodio Dragunera

1... Qualcuno ancora ricorda quella notte tetra,

di Salvatore Bonura (foto accanto) - Nel 1875 la Piana di Catania ( un’ area estesa 43.000 ettari di origine alluvionale, caratterizzata dalla convivenza delle colate laviche e da una vegetazione in continua mutazione proprio a causa della lava ) era dominata dalla pastorizia e dalle coltivazioni estensive.

di Agostino Spataro -  E’ inevitabile. A una certa età si preferisce guardare al passato più che al breve futuro. Si vive, ci si nutre di ricordi, belli o brutti. Quello che qui propongo è senz’altro un bel ricordo,

Come "minacciato", ecco il mio nuovo lavoro (in corso di stampa) preparato in tempi di coronavirus. Aggiungo che la recentissima decisione di Enrico Deaglio di chiudere la sua collaborazione con "Il Venerdì" di Repubblica conferma, in una certa misura, la validità della mia scelta di qualche anno fa.

By Pasquale Hamel (foto accanto) - La presenza ebraica in Sicilia è antica e importante. Antica perché, seppure le tracce non siano sempre chiare, i primi insediamenti ebraici nell’isola si possono far risalire agli anni immediatamente successivi alla diaspora,

OBIETTIVI

Gli obiettivi dell’Unione europea sono:

• promuovere la pace, i suoi valori e il benessere dei suoi cittadini

Racconto di, Eddo Foroni - L’AIA era la parte centrale della corte. Tutta in mattoni rossi di cotto oppure di cemento fatta solitamente a dorso d’asino (perché non si formassero pozzanghere e altri motivi) ed era delimitata in ogni lato da un muricciolo appena percettibile.