la Terza Pagina

Il 30 giugno 1799 si concludeva, in maniera tragica, la vita terrena del principe Francesco Caracciolo, già ammiraglio della regia marina borbonica e animatore di quella rivoluzione napoletana che il precedente 3 gennaio aveva scacciato i Borbone da Napoli. Caracciolo, in violazione dell’accordo firmato dal cardinale Fabrizio Ruffo,

Abbiamo da poco dedicato un numero dell'Almanacco della Scienza al cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, ma nel 2019 ricorrono anche i duecento anni dalla stesura de 'L'infinito', forse la poesia più celebre di Giacomo Leopardi

Dalla “questione d’Oriente” alla “questione araba” - di Agostino Spataro
1...
 La presenza di una nutrita e qualificata partecipazione democristiana nell’Associazione italo-araba aveva anche una spiegazione politica riconducibile al nuovo approccio della Dc verso il mondo arabo.

Vignali (Maeci): Questo romanzo intreccia in parallelo diverse dimensioni legate ai fenomeni migratori: quella di chi è nato in Italia e si è recato all’estero, la dimensione del ritorno, ma anche quella di chi arriva in Italia come immigrato Ricci (Cgie): Chi emigra rimane un migrante per sempre,

di Agostino Spataro -  "Giungiamo a Leptis Magna prima di mezzogiorno. Ci attendono tre ragazzi (due maschi e una donna) della missione archeologica dell’università di Roma impegnati nei lavori di restauro del sontuoso arco di Settimo Severo. Ai nostri occhi si presenta uno spettacolo davvero unico, esaltante.

di Pasquale Hamel - Il 30 giugno 1799 si concludeva, in maniera tragica, la vita terrena del principe Francesco Caracciolo, già ammiraglio della regia marina borbonica e animatore di quella rivoluzione napoletana che il precedente 3 gennaio aveva scacciato i Borbone da Napoli.

Poteva accadere anche questo in quel tempo che, con tanto superficiale che impropria definizione, è stato liquidato come l’età dei “secoli bui”. La vicenda che raccontiamo riguarda un fanciullo di nome Teofilatto, appartenente a una nobile stirpe, i conti di Tuscolo che, allora, spadroneggiavano a Roma