DOV’È IL FASCISMO

di Raniero La Valle È stato fuorviante il dibattito protrattosi per giorni e giorni sul fascismo della signora Meloni. Esso non consiste nel beneplacito al saluto romano, ma nella cultura fascista che la determina nella sua azione di governo. Se ne possono fare solo alcuni esempi. Il primo è quello di riferirsi sempre all’Italia come alla “Nazione”, per marcare un’identità, non per vezzo di linguaggio.

di Roberto Musacchio Definito, ad un certo punto e a danni fatti, stupido dallo stesso Romano Prodi, il patto di stabilità è stato sospeso durante la lunga crisi del Covid. A confermare che non era così intelligente da risultare utile durante una crisi molto grave, e che anzi andava messo da parte per non nuocere al da farsi. Ora invece torna in vigore, nella versione voluta da Germania e Francia e “accettata” anche dagli ex sovranisti del governo italiano.

*“La scelta del Ministro Nordio di negare l’estradizione di Don Franco Reverberi per essere processato è incomprensibile e desta preoccupazione perché impedisce alla giustizia di fare il suo corso e di arrivare alla verità. E lo è ancora di più se si tiene conto della pronuncia della Corte di Cassazione dell’ottobre scorso che aveva confermato la decisione della Corte di appello di Bologna respingendo il ricorso contro l’estradizione presentato dalla difesa del sacerdote”.

Marco Merlini Sono decine di migliaia i nati in Italia figli e nipoti di immigrati. Troppi non hanno parità di diritti con i loro coetanei senza una storia migratoria

Simona Ciaramitaro 15/01/24 - 06:25 Seconda e terza generazione di immigrati, così si sogliono definire coloro che, nati in Italia, sono figli o nipoti di persone migrate da altri Paesi. Sono giovani e meno giovani che in moltissimi casi non hanno la cittadinanza italiana e quindi non possono

ROMA – “L’eredità di David Sassoli: un viaggio verso una nuova Europa” è il convegno che Roma ha dedicato al presidente del Parlamento Europeo a due anni dalla scomparsa. Il ricordo si è tenuto in Campidoglio, nella Sala della Protomoteca, , e ha visto la partecipazione del sindaco Roberto Gualtieri,