MOLESTA UNA COPPIA DI CONIUGI PERCHÈ INVAGHITO DI UNA DONNA: ARRESTATO PER STALKING 36ENNE DI ALCAMO

(ANSA) - Agostino Cammisa, 36 anni di Alcamo, è stato arrestato dai carabinieri, per stalking. L'uomo é accusato di aver ripetutamente seguito e molestato una coppia di coniugi perché pare invaghito della donna. I due, dopo aver appurato ch'erano ancora una volta seguiti in auto dall'uomo, si sono dapprima fermati per invitare l'indagato a desistere e, non ottenendo alcun risultato, hanno chiamato i carabinieri. La coppia, più volte, negli ultimi mesi, aveva denunciato episodi analoghi che avrebbero visto come protagonista sempre la stessa persona.

OMICIDIO ROSTAGNO, LA SORELLA ACCUSA

Monica Serra, la donna che il 26 settembre del 1988 era insieme con Mauro Rostagno, avrebbe visto gli assassini. A sostenerlo è Carla Rostagno, sorella del sociologo torinese, in un’intervista pubblicata sul settimanale “Il Quarto Potere”. “Ha certamente visto molto di più di ciò che ha raccontato”, dichiara la donna. Monica Serra ha sempre sostenuto di non avere visto i sicari. Arrestata otto anni dopo l’omicidio, con l’accusa di favoreggiamento, fu successivamente scarcerata e prosciolta dall’accusa. ".(fonte: trapaniok)

"IO VOGLIO IL PORTO, ANTINORO È SEMPRE STATO CONTRO"

Lo definisce "il più accanito oppositore del progetto del porto di Favignana". Gaspare Ernandez torna a "duellare" con l'avversario d'un tempo. Il suo atto d'accusa è contro l'attuale sindaco di Favignana Lucio Antinoro. A dividerli, il futuro del porto. L'ex sindaco fa chiarezza sul suo operato. La polemica sui progettisti e sul compenso per il loro incarico la liquida così: "Ho ritenuto di seguire la legislazione regionale in merito agli incarichi ai professionisti con compensi economici sottosoglia, 100 mila euro, per carenza di organico all'interno del Comune per la difficoltà a rispettare i tempi previsti nella programmazione amministrativa. La realizzazione del porto era al primo punto del mio programma elettorale". Ernandez aggiunge un altro tassello: "Ho dotato il Comune di Favignana del piano regolatore del porto, approvato a maggioranza dal consiglio comunale con i voti del centrodestra e l'opposizione del centrosinistra di Antinoro. Passaggio fondamentale per ottenere, nel 2005, il decreto di finanziamento di circa 16 milioni di euro". Da qui parte l'affondo nei confronti del primo cittadino: "Vorrei capire di quali procedure errate ed illegittime parla il sindaco se le somme sono già state regolarmente assegnate ed accreditate nel bilancio comunale, pronte ad essere spese? Si tratta di fondi dell'assessorato regionale al Turismo". Ancora un tassello: "Sono state ottemperate le prescrizioni da parte del ministero dell'Ambiente, il parere interlocutorio VIA era negativo, a supporto del piano regolatore del porto come lo studio d'impatto ambientale, l'indagine geofisica e geotecnica, lo studio di navigabilità, il monitoraggio sulla qualità dell'aria, il monitoraggio dell'inquinamento acustico del porto di Favignana, facendo risparmiare all'ente la somma di 12 mila euro, rispetto ad un precedente preventivo del Genio Civile Opere Marittime". L'ex sindaco non ha dubbi. "Antinoro - dice- sta mettendo a rischio la perdita del finanziamento già ottenuto e prossimo ad essere stornato in altre realtà più lungimiranti". Nelle dichiarazioni di Ernandez c'è anche un riconoscimento politico: "Un ringraziamento va espressamente rivolto al senatore D'Alì per essere riuscito, ancora una volta, a mantenere il finanziamento fino al 31 dicembre". La conclusione è scontata. Senza fatti concreti meglio chiedere "le dimissioni immediate del sindaco per ridare voce ai cittadini".(fonte: trapaniok)