Sapori di Sicilia

Cerda: la Storia

Calcusa era un casale facente parte dell'allora Contea di Golisano dalla quale, nel 1430, ne fu distaccato dal Re Alfonso V, il Magnanimo, figlio di Ferdinando I D'Aragona, mentre era conte Gilberto Centelles,

Siti archeologici:A pochi chilometri a sud da Piana degli Albanesi, in Contrada Sant'Agata (Shënt Arhta in arbëresh), è situato un antico insediamento denominato Pirama, rilevante necropoli paleocristiana di età tardo-romana, attualmente soggetta al centro di ricerca archeologica.

VENETI NEL MONDO, IL 6 MARZO L’ASSESSORE MANUELA LANZARIN INCONTRERÀ LE ASSOCIAZIONI IN EMIGRAZIONE PER ILLUSTRARE IL PROGRAMMA ANNUALE DEGLI INTERVENTI 2018 VENEZIA

– Il mondo dell’associazionismo in emigrazione del Veneto è atteso a Palazzo Balbi, Venezia.

Continuiamo la nostra passeggiata nella cucina siciliana, restando a Palermo, dove è possibile assaggiare una cucina tipica altamente qualifica sia per la varietà che per il gusto. Una cucina che si può assaggiare in tutti i ristoranti di Palermo che godono ottima fama e dispongono di chef stellati che conoscono ed amano la loro professione.

Anche oggi, vanno di scena le sarde delle quali è ricco il mare siciliano.

LE SARDE ALLINGUATE

sono un'altra eccellenza della cucina siciliana, furono chiamate così perché linguardo nella lingua degli aristocratici era la sogliola. I siciliani con l inventiva e l ‘ingegno volevano imitare i piatti realizzati dai monsù che cucinavano per i banchetti dei ricchi. Le sarde allinguate sarebbero dunque una versione tutta siciliana del piatto a base di sogliole mangiato dai nobili spagnoli. Le sarde aperte e deliscate assumeranno l aspetto di prelibate sogliole e la maniratura nell’aceto nascondeva il sapore del pesce non fresco.

Ingredienti:

Kg 1 di Sarde,

aceto di vino bianco q.b. per la marinatura,

300gr di farina,

olio d’oliva per friggere,

sale e limone

Preparazione:

Pulite le sarde a linguata, togliete loro cioè la testa e le lische, ma non le code.

Sciaquatele sotto l acqua ed asciugatele.

Fate marinare le sarde per 10 minuti nell’aceto bianco,

intanto fate riscaldare l olio in una padella dal fondo largo.

Passate le sarde nella farina o e mettetele a friggere in padella fate dorare sia da una parte che dall’altra e ponetele su della carta assorbente.

Servite le sarde fritte calde cospargendo con del sale e accompagnandolo con del limone.

Un'altra variante di questa ricetta e’

SARDE ALL’AGRODOLCE

Ingredienti:

Kg 1 di Sarde,

400gr di farina,

olio d’oliva per friggere,

sale

2 cucchiai di zucchero

mezzo bicchiere di aceto

3 cipolle.

Preparazione:

Pulite le sarde a linguata, togliete loro cioè la testa e le lische, ma non le code.

Sciaquatele sotto l' acqua ed asciugatele.

Fate riscaldare  l'olio in una padella dal fondo largo.

Passate le sarde nella farina o e mettetele a friggere in padella facendole dorare sia da una parte che dall’altra e ponetele sul piatto.

Quando avrete terminato di friggere tutte le sarde abbassate il fuoco e fate soffriggere la cipolla affettata,

coprite con un coperchio e mescolate di tanto in tanto.

Quando le cipolle si saranno appassite aggiungete l' aceto e lo zucchero e fate sfumare

Qundo la salsa così preparata si sarà ristretta un po aggiungete le sarde e regolate di sale e pepe a piacimento.

Servite le sarde sia calde che fredde.

Michele Schiavone Segretario Generale CGIE"A settantotto anni di distanza il Consiglio generale degli italiani all’estero ricorda la tragedia mineraria di Arsia, oggi Rasa in Croazia, avvenuta il 28 febbraio 1940, nella quale persero la vita 185 minatori italiani e 147 rimasero feriti. Si tratta della più grande tragedia mineraria avvenuta il secolo scorso in Europa,

"SAGRA DELLA VASTEDDA CU SAMMUCU": TRA TRADIZIONE, STORIA E FOLCLORE A TROINA DI MARIA CACIOPPO

Torna anche quest’anno l'appuntamento con l’arte, la storia, la natura e la gastronomia, con la 22esima edizione della sagra della vastedda cu sammucu denominata anche “vastedda ‘nfigghiulata”,

Laura GaraviniROMA - “Ringrazio i ricercatori italiani operanti in Europa che hanno lanciato un appello in favore della mia candidatura. Sono molto grata del sostegno alla mia persona e al mio progetto politico”. Così Laura Garavini, deputata uscente e ora candidata al Senato con il Pd nella ripartizione Europa, risponde all’appello pubblico lanciato in suo sostegno da 18 ricercatoriprovenienti da diversi atenei europei.