Proverbi e Culture

       La' muglieri di l’antru, è sempri cchiu beddala moglie degli altri, è sempre più bella.

       - La gatta ca nun po' arrivàri a la saìmi, dici ca è acita.La gatta che non arriva a mangiare la sugna dice che è acida.

I PROVERBI:- Li parinti di la  muglieeri sunnu dunci comu lu meli, li parenti di  lu maritu sunnu aciti comu l’acitu.I parenti della moglie sono dolci come il miele, i parenti del marito sono acidi come l’aceto

I riti della Settimana Santa presentano in Sicilia una complessità di contenuti e di simbologie dovute ai numerosi influssi, soprattutto dovuti alla cultura spagnola, dominante tra il XVI ed il XVII secolo, ed ai temi teologici della religiosità controriformista.Tali riferimenti culturali non esauriscono però la complessità e l'importanza di tali riti all'interno delle comunità. Lo scrittore Gesualdo Bufalino ha scritto:

Nicola fu l'ultimo dei numerosi fratelli: viveva con la sua famiglia a Messina, in una capanna vicino al mare e fin da fanciullo prese dimestichezza con le onde. Quando crebbe e divenne un ragazzo svelto e muscoloso, la sua gioia era d'immergersi profondamente nell'acqua e, quando vi si trovava dentro, si meravigliava anche lui come non sentisse il bisogno di ritornare alla superficie se non dopo molto tempo.

I PROVERBI: - L'acqua si nni va nni la pinnenza, l'amuri si nni va unni c'è spiranza.L'acqua scende suendo la pendenza del terreni, l'amore se  va dove c'è speranza, dove è ricambiato. - L'omu gilusu mori curnutu.

I PROVERBI:Quannu lu patri duna a lu figliu, arridi  lu patri e arrire lu figliu; quannu lu figliu duna a lu patri chiangi lu patri e chiangi lu figliu. Quando il padre dà al figlio ride il padre e ride il figlio; quando figlio dà al padre piange il figlio e piange il padre.