Unione Siciliana Emigranti e Famiglie

Unione Siciliana Emigranti e Famiglie

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
CRONACA DALLA SICILIA 06 DICEMBRE 2017 PDF Stampa E-mail
Cronache dalla Sicilia
Scritto da redazione   
Giovedì 07 Dicembre 2017 07:45
CALTANISSETTA: GIOVEDI 7 DICEMBRE ALLE ORE 20.00 SI SVOLGERÀ “EQUOMONDO CHRISTMAS EDITION”
Giovedi 7 Dicembre p.v. alle ore 20.00 si svolgerà, nel cortile antistante la Bottega Solidale Equamente in via Michele Amari n. 3 a Caltanissetta, l’edizione invernale degli eventi Equomondo: “EquoMondo Christmas Edition”. Ritorna un evento, che nelle scorse edizioni estive ha riscontrato un ottimo livello di apprezzamento da parte del pubblico, per l’innovativo progetto d’integrazione e per la qualità delle performance teatrali dirette dal regista Francesco Miceli. EquoMondo si configura come la parte conclusiva di un percorso di integrazione, sperimentazione e studio diretto ai minori stranieri non accompagnati, accolti dalla struttura SPRAR di Caltanissetta “Casa Nostra” e dal CPA “Un mondo a Colori”di Montedoro, realtà gestite dalla Soc. Coop. Sociale Etnos. Recitazione e musica per un viaggio tra sapori e colori dal mondo che vedrà i ragazzi cimentarsi in uno spettacolo musicale dal titolo “I’sugnu Giufa’” curato da Francesco Miceli con la partecipazione della Scuola di Danza SCARPETTE ROSSE e dall’associazione DONNE INSIEME di Montedoro. Durante la serata degustazione dei prodotti alimentari bio del commercio equo proposti dalla BOTTEGA EQUAMENTE e i buonissimi e golosi dolci preparati dalla società cooperativa sociale ETNOS! Tante sorprese ancora da scoprire in compagnia dell’Associazione VIP VIVIAMOINPOSITIVO Caltanissetta, ONLUS dei sorrisi presso i reparti di Pediatria e Oncologia dell’ospedale Sant’Elia. Emozioni, cibo e condivisione, nella splendida atmosfera delle prossime festività natalizie per una serata davvero speciale! Impossibile mancare! EVENTO GRATUITO! http://www.lagazzettanissena.it
 
ADOZIONE A DISTANZA PER SALVARE LA CAPRA GIRGENTANA
 
Le capre girgentane conquistano tedeschi e belgi che con le adozioni a distanza contribuiscono a salvarle dall’estinzione. Al via la prima fase del progetto “Adotta una Capra” lanciato sei mesi fa dall’associazione per la tutela e la salvaguardia della Girgentana. “Una sessantina le capre già adottate”, dice al Giornale di Sicilia Ignazio Vassallo, referente del presidio Slow Food della Capra girgentana “arrivata ad Agrigento all’epoca della colonizzazione greca e oggi esempio di biodiversità del territorio”. “Abbiamo avuto richieste di adozioni dalla Germania, dal Belgio, dal Nord Italia ma pochissime in Sicilia – aggiunge Vassallo -, perché qui da noi non c’è molta sensibilità ad adottare in genere gli animali. Chi adotta la capra riceve un attestato con la foto dell’animale; le informazioni sull’allevatore; una parte del formaggio di Girgentana spedito direttamente a casa nei periodi migliori per la produzione insieme ad un altro prodotto del territorio, come miele, mandorle sgusciate, vino nero D’Avola, semola di grani antichi siciliani, macinati a pietra e dolci di mandorla (info www.capragirgentana.eu)”. In collaborazione con il dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’Università di Palermo, inoltre, si sta cercando di tracciare una mappatura del genoma per rilanciare la riproduzione della specie. http://www.lagazzettagrigentina.it
 
SABATO 16 DICEMBRE DAVANTI AL PALAZZO CAVARRETTA “ABBRACCI GRATIS” PER TUTTI
 
Sabato 16 dicembre a partire dalle ore 16:30, davanti al Palazzo Cavarretta in Via Torrearsa l’Associazione Paceco Soccorso ti sfida ad un abbraccio di ferro, questo è lo slogan che accompagna l’iniziatiziva sociale “abbracci gratis”. Nata a Sydney, in Australia si è diffusa a macchia d’olio in molte altre città del mondo. Vi partecipano persone comuni che offrono appunto “abbracci gratis” ai passanti in luoghi pubblici come piazze, parchi e grandi vie pedonali. Lo scopo degli “abbracci gratis” è semplicemente quello di offrire un’atto casuale di gentilezza disinteressata, in quest’ epoca di separazione sociale e mancanza di contatti umani. I piccoli volontari, in occasione delle imminenti festività natalizie, cercheranno di rendere felici tante persone con un semplice abbraccio. I ragazzi che parteciperanno alla campagna “Ti sfido ad un abbraccio di ferro” saranno riconoscibili dai cartelli che avranno in mano con la scritta “Abbracci Gratis”. Si tratta di un’iniziativa simpatica che, anche in vista delle festività natalizie, vuole dare un segno di gentilezza ed essere un modo per riavvicinare le persone, in un’epoca in cui anche a causa della tecnologia, non ci si scrive più lettere o cartoline ma email e non ci si incontra più di persona ma si chata. “Ci auguriamo che questa iniziativa – afferma il presidente di Paceco Soccorso, Rosanna Di Maggio – possa essere un passo per riscoprire i veri valori che purtroppo stiamo perdendo.” http://www.lagazzettatrapanese.it
 
PREMIO PADRE PINO PUGLISI, ARMAO: "NECESSARIO STANZIARE RISORSE PER LE FASCE DEBOLI"
 
Anche il vicepresidente della Regione ha preso parte alla XIII edizione del premio dedicato al beato, ucciso da Cosa nostra il 10 settembre 1993. Musica e memoria ieri sera al teatro Santa Cecilia in occasione della XIII edizione del Premio Padre Pino Puglisi, l’appuntamento internazionale dedicato al beato martire della Chiesa. Un'edizione dedicata a "chi porta il messaggio di vita" che ha visto tra i premiati il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, l'attore palermitano Paride Benassai, che il 10 settembre 2017 ha ricevuto il premio Musa D’Argento 2017, come migliore attore per l’interpretazione di 3P nel film "L’Ultimo Sorriso" di Rosalinda Ferrante e Sergio Quartana. E ancora Valerio Pagliarino, un giovane 17enne, originario di Castelnuovo Calcea piccolo comune in provincia di Asti, che ha progettato un laser per portare la connessione Internet nelle zone più isolate del pianeta e che ha ricevuto un premio di 50 mila dollari da Intel. Presente alla serata il vice governatore e assessore all'Economia, Gaetano Armao: "Abbiamo il dovere morale di stare attenti agli ultimi, alle fasce crescenti di società che scivolano verso la povertà. Abbiamo un incremento drammatico della povertà dovuto al fatto che in questi anni non è stato fatto ciò che si doveva fare. La Sicilia è rimasta ferma al palo. Bisogna da una parte ripartire con l'economia e dall'altra preoccuparsi di chi ha più bisogno. Nel prossimo bilancio è necessario stanziare risorse per le fasce deboli". Un riconoscimento anche a Suor Carolina Iavazzo, collaboratrice di Padre Pino Puglisi e fondatrice del centro Padre Puglisi a Bosco Sant’Ippolito, una zona definita il triangolo di fuoco per la presenza radicata di una criminalità organizzata e feroce. Organizzata dall’Associazione Jus Vitae, in collaborazione con la Cisl e la Fondazione The Brass Group, e curata dalla direzione artistica di Francesco Panasci, la serata è stata condotta dai giornalisti Roberto Gueli e Tiziana Martorana. (da palermotoday.it)
 
FERROVIE DELLO STATO: "TAV FINO A PALERMO? SICILIA PRIORITÀ ASSOLUTA"
 
L’amministratore delegato di Fs, Renato Mazzoncini, è d’accordo con il ministro con delega al Turismo, Dario Franceschini, sulla necessità che i treni ad alta velocità arrivino fino a Palermo, purché ci si intenda “su cosa è alta velocità. Il ragionamento che stiamo facendo su tutta la parte fuori dalle direttrici principali, quindi verso la Sicilia o verso Trieste, è l’alta velocità di rete” ha detto. Si tratta cioè, ha aggiunto a margine della presentazione dello Swiss Corridor da parte della controllata Tx Logistik, di “riuscire ad arrivare almeno a 200 chilometri orari con tutte le linee per avere tempi di percorrenza ridotti e connettere tutto il Paese. Questi sono alcuni progetti, più concreti e veloci da realizzare, perchè non è necessario costruire linee nuove, ma si possono modificare quelle esistenti”. “La Sicilia per noi è una priorità assoluta, sia le linee interne sia i collegamenti. Oggi abbiamo raddoppiato i Frecciargento, con un collegamento Roma-Reggio Calabria in 4 ore e 34 minuti” ha comunque assicurato Mazzoncini. (da palermotoday.it)