AEROPORTI, CATANIA: "GESTIONE PUBBLICA È FONDAMENTALE"

Se qualcuno pensa di privatizzare Gesap non sta facendo i conti con la realtà. L'aeroporto di Palermo è la prova tangibile che si può coniugare con successo la gestione pubblica della società che gestisce un'aviostazione

all'incremento del traffico dei passeggeri e al miglioramento complessivo dei servizi. Gli esiti di questa esperienza sono sotto gli occhi di tutti: l'ottima gestione di Gesap ha dato nuova linfa al turismo palermitano". Lo dice il consigliere comunale di Sinistra Comune Giusto Catania, in merito all'ipotesi avazata “ „Secondo Catania: "L'ipotesi di una cogestione dell'aeroporto Palermo con l' aeroporto di Trapani non può prescindere da un'impostazione di carattere pubblico. Per fare questo la Regione Sicilia deve ricapitalizzare l'aeroscalo Birgi di Trapani per evitare che le difficoltà economiche che attraversa possano compromettere il buon risultato raggiunto dall'aeroporto di Palermo. Nulla in contrario alla cogestione dei due aeroporti: tuttavia ciò potrà accadere solo assicurando la gestione pubblica del nuovo aeroporto della Sicilia occidentale". (da palermotoday.it)

ERICE, ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A VALENCIA PER 12 STUDENTI DELL’ ALBERGHIERO “FLORIO”

Grazie al progetto Erasmus+ KA1 "ENPASS: Percorsi imprenditoriali - La strada per il successo "Entrepreneurial Paths: the road to success” - coordinato dall’Associazione Lepido Rocco di Motta di Livenza in Veneto - 12 studenti delle classi dell’Istituto Alberghiero “Florio” di Eruce vivranno un’esperienza di Alternanza Scuola Lavoro a Valencia, in Spagna. Dopo un’opportuna formazione, a partire da lunedì 16 luglio e per cinque settimane, i ragazzi saranno inseriti presso strutture ricettive turistico-alberghiere della città spagnola, e avranno l’opportunità di osservare e sperimentare un percorso professionale formativo in mobilità transnazionale che permetterà loro di potenziare la comunicazione in lingua straniera (inglese e spagnolo), arricchire la loro preparazione scolastica con nuove conoscenze, acquisire nuove e concrete competenze da riproporre nel loro contesto operativo e anche confrontarsi con contesti europei e multiculturali. ‘Per tutta la durata del tirocinio i partecipanti saranno seguiti da un tutor aziendale e dai docenti accompagnatori. Inoltre – dice la preside, Pina Mandina - saranno accolti e guidati dal personale dell’agenzia locale che offrirà agli studenti assistenza continua, la garanzia di un monitoraggio costante delle attività e la produzione documentale che attesta l'esperienza svolta. Non ci resta che augurare in bocca al lupo ai nostri ragazzi che, accettando quest’importante sfida, potranno arricchire il proprio bagaglio di conoscenze e competenze, con un’esperienza significativa anche sul piano culturale e personale”. (da Tp24.it)

TRAPANI, DICIOTTI: LE VIOLENZE SUBITE DAGLI IMMIGRATI CHE PER SALVINI SONO "FACINOROSI"

Hanno passato il primo giorno sulla terraferma i 67 migranti a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera, sbarcati giovedì intorno a mezzanotte dopo una giornata di attesa in rada a Trapani. I primi a scendere, accompagnati da uomini della Digos,sono stati due giovani indagati per violenza privata in concorso per aver minacciato l'equipaggio della Vos Thalassa che li aveva tratti in salvo e li avrebbe riportati in Libia. Poi sono sbarcate tre donne e i bambini. La procura di Trapani prosegue le indagini. Da oltre 24 ore la Procura di Trapani lavora quasi ininterrottamente all’inchiesta sulle tensioni che si sono registrate nei giorni scorsi a bordo della nave Vos Tahalassa, quando un gruppo di migranti avrebbe inscenato una protesta contro l’equipaggio per non tornare in Libia. Niente dichiarazioni ufficiali, al momento, ma qualcosa filtra dalla Procura: “Noi agiamo solo sugli atti giudiziari e non su spinte politiche”, dicono i pm sottovoce. I due indagati, il sudanese Ibrahim Bushara e il ghanese Hamid Ibrahim, sono accusati di violenza privata aggravata e continuata in concorso. E, al momento, non sono previste emissioni di fermi. Gli inquirenti stanno anche cercando riscontri, come succede dopo ogni sbarco, sulla presenza di eventuali scafisti.

LE STORIE. C'e' Mohamed, giovanissimo, appena diciassettenne. Anche lui finito nell'inferno libico. Vi e' piombato dentro tre anni fa e subito sono state minacce e botte. Derubato e rapito, sono arrivati persino a mozzargli un dito per darli "una lezione da non dimenticare". Ma "sogno ancora di cambiare la mia vita e quella della mia famiglia". E' una delle storie degli sbarcati di Trapani, della nave 'Diciotti' della Guardia costiera. In 67 hanno toccato terra dopo una odissea in mare durata cinque giorni. A un passo dal loro sogno, hanno dovuto attendere otto ore prima di lasciarsi alle spalle, il molo Ronciglio. Egiziano, senza padre da quando aveva 9 anni, Mohamed e' venuto in italia per aiutare la sua mamma e le sue sorelle, come ha raccontato agli operatori di Intersos. Ecco perche' era terrorizzato, come i suoi compagni di viaggio, quando una volta soccorso dal mercantile Vos Thalassa, temeva di essere consegnato ai libici. La mediatrice culturale dell'organizzazione, Sahar Ibhraim, racconta anche di Amal, marocchina che ha vissuto in Libia, in fuga dal marito che la opprimeva e pestava. Riferisce delle violenze e degli abusi subiti in quel Paese. Qualcuno ha abusato di lei, prima di arrivare in Italia. Tutte storie di paura e tanti, come hanno raccontato a Intersos, avrebbero preferito gettarsi in mare piuttosto che tornare indietro. "Ora - dice Amal - voglio cambiare vita. L'Italia mi aiutera' a farlo?"….. (da Tp24.it)

TUTTO PRONTO PER LA PRIMA CONFERENZA PROVINCIALE DI ARTICOLO UNO

Si tiene oggi sabato 14 luglio alle 17,30, in via Mazzini ad Agrigento, la prima conferenza provinciale di Articolo Uno - Movimento Democratico e Progressista. La conferenza, convocata da Articolo Uno a chiusura di una prima fase del tesseramento, è l’ ulteriore tappa verso la creazione del partito di Liberi e Uguali. "Un partito con una sua identità e una sua autonomia, - si legge in una nota - premesse necessarie per poter contribuire alla creazione di uno schieramento democratico e di sinistra, che si opponga alla destra, e si ponga come credibile alternativa di governo". La conferenza avrà anche il compito di eleggere un coordinamento provinciale e le diverse cariche statutarie. (da agrigentonotizie.it)

FINANZIATI TIROCINI PER GIOVANI DISOCCUPATI, SPORTELLO DELLA CONFCOMMERCIO

„Finanziati tirocini extracurriculari con l'Avviso 22-2018. La Confcommercio di Agrigento è soggetto promotore dei tirocini finanziati dal Fondo sociale europeo. Possono partecipare sia le aziende che vogliono ospitare i tirocinanti, sia i disoccupati o inoccupati di età compresa tra i 16 ed i 66 anni ed un Isee inferiore a 30mila euro. Per partecipare basta registrarsi al portale entro il 10 luglio per svolgere un tirocinio di 6 mesi con un’indennità mensile di 500 euro.“ (da agrigentonotizie.it)

PRIMI OTTO POSTI DI SERVIZIO CIVILE PRESSO LA CROCE ROSSA DI CALTANISSETTA, SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE ENTRO IL 20 LUGLIO

Attivo un bando di Servizio Civile Nazionale presso la Croce Rossa Italiana Comitato di Caltanissetta ONLUS, approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE : Per l’attuazione del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” – PON IOG. La partecipazione al Servizio Civile Nazionale rappresenta quindi ora una delle possibili modalità di difesa della Patria, il cui “sacro dovere” è sancito dall’articolo 52 della Costituzione italiana. In questo senso, la difesa della Patria è intesa non come un’attività dedicata direttamente al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, ma piuttosto come un esercizio di condivisione dei valori comuni e fondanti l’ordinamento democratico del Paese. Per un giovane dai 18 ai 28 anni, essere selezionato per un Progetto di Servizio Civile Nazionale significa dedicare un anno della propria vita in favore di un progetto solidaristico inteso come impegno per il bene della comunità e, contestualmente, come ricerca costante del valore della pace.
 L’esperienza del Servizio Civile Nazionale garantisce infatti ai giovani una forte valenza educativa e formativa, ed è spesso un’occasione unica di crescita personale, un’opportunità di educazione alla cittadinanza attiva e un prezioso strumento che permette di entrare in contatto e aiutare concretamente le fasce più deboli della società contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese. Chi sceglie di impegnarsi nel Servizio Civile Nazionale sceglie di aggiungere un’esperienza qualificante al proprio bagaglio culturale, arricchendosi sia da un punto di vista professionale che umano. Parte integrante del Programma è infatti anche l’introduzione dei giovani al mondo del lavoro, alle sue regole e ai suoi orari, e spesso l’esperienza del Servizio Civile rappresenta una tappa preziosa nel percorso formativo e professionale dei giovani che vi partecipano. Il bando prevede la selezione di otto unità presso la Croce Rossa Italiana di Caltanissetta con un rimborso mensile di 433 euro per dodici mesi. E’ uno dei tanti bandi a cui la Croce Rossa di Caltanissetta, presieduta dal Nicolò Piave, ha partecipato, e nei giorni successivi ne saranno pubblicati altri, in quanto già inseriti in graduatoria utile. Le domande e le modalità d’accesso si possono scaricare dal sito www.cri.caltanissetta.it [1] , le istanze dovranno essere presentate, corredate da tutta la documentazione richiesta nel bando, presso la sede della Croce Rossa Italiana Comitato di Caltanissetta ONLUS in viale della Regione, 1, tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 14.00 entro e non oltre il 20 luglio 2018 ore 14.00; http://www.lagazzettanissena.it