la Terza Pagina

Quando si pensa ai Normanni che invadono la Sicilia islamica al comando dei fratelli Altavilla, cioé di Roberto il Guiscardo, duca di Puglia, e di Ruggero, conte di Calabria, si ha un’idea troppo spesso sbagliata. Si immaginano, infatti, consistenti milizie precedute da numerosi cavalieri in grado di affrontare, da pari a pari, un nemico agguerrito e, in molti casi, asserragliato in rocche imprendibili.

Tra i poeti contemporanei che hanno scelto di esprimersi in siciliano, Buttitta è il più conosciuto, sia in Sicilia che nel resto d'Italia. La sua Opera traduce in versi un intero secolo di storia sociale, politica, intellettuale della Sicilia, esplicitamente impegnandosi e radicandosi nelle cause e nelle conseguenze del disagio economico delle classi subalterne.

DALLA  PRESENTAZIONE…Il libro contiene una selezione mirata di articoli quasi tutti apparsi su “La Repubblica- Palermo”, con la quale ho condiviso oltre un decennio di appassionate battaglie democratiche e di civiltà, e po-chi altri pubblicati in combattive testate online citate a piè di pagi-na.

La corsa per il controllo delle riserve libiche d’idrocarburiDalla fine della seconda guerra mondiale, al tempo del bipolari­smo (Usa- Urss), in varie parti del Pianeta sono scoppiati conflitti (anche più sanguinosi di quelli recenti o attuali) con il loro contor­no di terroristi, dittatori, profittatori, falsi eroi, ecc. Eppure, sempre (tranne per il conflitto israelo - palestinese)

Le voci degli operatori umanitari nel nuovo libro di MSF venerdì 7 dicembre ore 18 libreria Feltrinelli via Cavour, 133 Ingresso libero fino ad esaurimento posti Palermo, 5 dicembre 2012 – Gli operatori umanitari italiani di Medici Senza Frontiere (MSF) si raccontano nel libro “Noi non restiamo a guardare”, pubblicato da Feltrinelli Editore.

Leonardo Sciascia nasce l'8 gennaio 1921 a Racalmuto, in provincia di Agrigento , primo di tre fratelli da un impiegato, Pasquale Sciascia, e da una casalinga, Genoveffa Martorelli. La madre proviene da una famiglia di artigiani mentre il padre è impiegato presso una delle miniere di zolfo locali e la storia dello scrittore ha le sue radici nella zolfara dove hanno lavorato il nonno e il padre.

“Non esiste verità più chiara di quella scritta, per chi ha il coraggio di scriverla…” 15 ANNI DI POLITICA VISSUTI DA "INSIDER"; 30 MESI PER LA STESURA E PER ORDINARE E CATALOGARE FATTI E DOCUMENTI; 2 SCIOPERI DELLA FAME: E' IL NUOVO LIBRO DI WANDA MONTANELLI, LA LEADER STORICA DELLE DONNE DELL'ITALIA DEI VALORI CHE PER PRIMA CHIESE CONTO DEI FONDI IDV