Unione Siciliana Emigranti e Famiglie

Unione Siciliana Emigranti e Famiglie

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
CRONACHE DEI PALAZZI DELLA POLITICA 19 MAGGIO 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da redazione   
Venerdì 19 Maggio 2017 16:27
SENATO:DELITTO DI TORTURA
Con 195 voti favorevoli, otto contrari e 34 astenuti, l'Assemblea - nella seduta antimeridiana di mercoledì 17 maggio - ha approvato, con modifiche, il testo proposto dalla Commissione Giustizia, recante l'introduzione del delitto di tortura nell'ordinamento italiano (ddl n. 10-362-388-395-849-874-B); il provvedimento torna alla Camera dei deputati. Nota breve del Servizio studi (Ufficio Stampa)
 
SENATO:DEMOLIZIONE MANUFATTI ABUSIVI
 
L'Aula di Palazzo Madama, nella seduta pomeridiana del 17 maggio, ha approvato con modifiche, con 142 voti favorevoli, 51 contrari e sette astenuti, il provvedimento recante disposizioni in materia di demolizione dei manufatti abusivi (ddl n. 580-B); il testo torna all'altro ramo del Parlamento. Nota breve del Servizio studi (Ufficio Stampa)
 
LA SOLUZIONE FINALE DI CALDEROLI: LASCIAMOLI ANNEGARE PER NON FAVORIRE LA MAFIA
 
Sostiene Roberto Calderoli: “Prima l’inchiesta Mafia capitale, poi nelle scorse settimane le dichiarazioni dei magistrati di Catania e Trapani che hanno confermato come la criminalità organizzata sia coinvolta nel business dell’accoglienza degli immigrati, e oggi i 68 arresti in Calabria tra esponenti dell’Ndrangheta e persone a vario titolo coinvolte nella gestione del più grande centro d’accoglienza d’Europa, quello di Capo Rizzuto”. vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord. “Ma cosa serve ancora -aggiunge- per far comprendere al Governo che dietro l’invasione degli immigrati dalle coste libiche si nasconde un enorme business della criminalità organizzata interessata a mettersi in tasca i tanti miliardi stanziati dal governo per la gestione e l’accoglienza degli immigrati? Ogni carico di immigrati che arriva sulle nostre coste è un affare d’oro per la mafia e l’ndrangheta e il governo -conclude- non bloccando gli sbarchi, si rende complice di questi affari sporchi della criminalità organizzata”. Ecco un’altra buona ragione per impedire il salvataggio di uomini, donne e bambini in fuga nel Canale di Sicilia. L’hanno trovata, manco a dirlo, i leghisti. A lanciarla la buona novella Roberto Calderoli. Il governo dovrebbe, secondo lui, bloccare gli sbarchi, per evitare di fare favori alla mafia. E’ un clichet affatto originale. La richiesta di bloccare le opere pubbliche particolarmente impegnative per non favorire l’infiltrazione mafiosa, è lo stampo su cui Calderoli inserisce la sua richiesta. Solo che stavolta non si tratta del Ponte di Messina , “facile preda dei boss”, ma di esseri umani, che non vanno salvati per non favorire il crimine organizzato. E’ curioso che non si chieda, invece, di moltiplicare le risorse, al fine di acciuffare i mafiosi e i loro compari, ed invece la cosa si debba risolvere a danno degli “ultimi”, colpevoli di dare una mano ai delinquenti scappando dalle guerre e dalla fame. (siciliainformazioni.com)
 
SAME DELLE NORME IN MATERIA DI AREE PROTETTE
 
Oggi in Aula l'esame della proposta di legge: Modifiche alla legge 6 dicembre 1991, n. 394, e ulteriori disposizioni in materia di aree protette (Approvata, in un testo unificato, dal Senato) (C. 4144-A e abb). A seguire la discussione della relazione della Giunta per le autorizzazioni sull'applicabilitĂ  dell'articolo 68, primo comma, della Costituzione, nell'ambito di un procedimento penale nei confronti di Guido Crosetto, deputato all'epoca dei fatti. (Doc. IV-quater, n. 5) e l'esame della proposta di legge: Misure per la prevenzione della radicalizzazione e dell'estremismo violento di matrice jihadista (C. 3558-A) (Ufficio Stampa)
 
"MONTECITORIO A PORTE APERTE" IN OCCASIONE DELLA “NOTTE DEI MUSEI” - SABATO DALLE 20 - CONCERTO DELLA BANDA DELLA GUARDIA DI FINANZA
 
4349 La Camera dei deputati aderisce all'iniziativa "La Notte dei Musei" e sabato 20 maggio edizione di Montecitorio a porte aperte con il Palazzo aperto al pubblico dalle 20 alle 2 di domenica. Sarà possibile visitare, nel Corridoio dei Busti, la mostra "Gramsci - I quaderni e i libri del carcere" dedicata al fondatore del Partito comunista in occasione degli 80 anni dalla morte. Alle ore 20,30 in piazza Montecitorio l'esibizione della Banda della Guardia di Finanza, diretta dal Maestro Leonardo Laserra Ingrosso. L'esibizione si aprirà con l'esecuzione dell'Inno di Mameli e si concluderà con l'Inno europeo. In particolare, il programma prevede brani di: G. Verdi (Ernani); G. Verdi (Valzer brillante); O. Di Domenico (Gli Accademisti); G. Puccini (Nessun dorma). L'accesso al Palazzo è possibile dalle ore 20,00 alle 1,30. La visita si svolge per gruppi e ogni partecipante deve essere munito di un biglietto che avrà ritirato gratuitamente, lo stesso giorno della visita, presso l'Infopoint (via Uffici del Vicario, angolo via della Missione - aperto dalle ore 19,00). Ciascun visitatore può richiedere, fino a esaurimento, un massimo di due biglietti se adulto, e i biglietti per i minori che accompagna, scegliendo un orario di visita compreso tra le 20,00 e le 1,30. I possessori dei biglietti sono tenuti a presentarsi all'ingresso di Piazza Montecitorio dieci minuti prima dell'orario indicato sul biglietto; dopo l'ingresso del rispettivo gruppo, non è comunque consentito l'accesso di eventuali visitatori in ritardo. Durante la visita possono essere ammirati alcuni fra gli ambienti più importanti e rappresentativi del Palazzo, a cominciare dall'Aula, con i pannelli del Fregio di Sartorio che decora l'emiciclo, il "Velario", imponente decorazione liberty di circa 800 metri quadrati in rovere di Slavonia, vetro colorato e ferro, il Transatlantico - salone antistante l'Aula che deve il suo nome all'illuminazione a plafoniera, caratteristica delle navi transoceaniche - la Sala della Lupa, la Sala della Regina, la Sala Aldo Moro, la Sala del Cavaliere. (Ufficio Stampa)