27 MINISTRI DELL'INTERNO DELL'UE IN VIDEOCONFERENZA: PRIMA ANALISI DEL NUOVO PATTO SU IMMIGRAZIONE E ASILO

«Oggi si è aperta una nuova, cruciale fase per l’Unione che è chiamata, anche sull’immigrazione, a dare risposte chiare ed efficaci alle aspettative dei cittadini europei», ha dichiarato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese,

al termine della riunione in cui i 27 ministri dell’Interno della Ue collegati in video conferenza per iniziare ad analizzare il nuovo patto sull’immigrazione e l’asilo presentato dalla Commissione. «Apprezziamo gli elementi di discontinuità del nuovo Patto europeo ma siamo all’inizio di un lungo percorso e di un negoziato assai complesso che, da parte dell’Italia, non può prescindere da un chiaro superamento del principio di responsabilità dello Stato membro di primo ingresso. Assieme ai colleghi di Spagna, Grecia, Cipro e Malta abbiamo riconosciuto l’esigenza di un approccio comune costruttivo che, tuttavia, valorizzi a livello negoziale la nostra specificità di Stati membri di frontiera esterna marittima. Auspico dunque – ha concluso il ministro Lamorgese - che i negoziati entrino subito nelle realtà affrontate quotidianamente da questi Paesi per arrivare a nuove procedure che siano effettivamente applicabili». (USEF)

FIRMATO IL DECRETO PER LA COSTITUZIONE DELLA NEWCO PER IL TRASPORTO AEREO - COMUNICATO STAMPA N° 228 DEL 09/10/2020

I Ministri dell’economia e delle finanze Roberto Gualtieri, delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli, dello sviluppo economico Stefano Patuanelli e del lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo, hanno firmato oggi il decreto di costituzione della Newco per il trasporto aereo. “La Newco rappresenta il primo passo verso la costituzione di un vettore di qualità capace di competere sul mercato internazionale. Poniamo le basi per il rilancio del trasporto aereo italiano, attraverso la scelta di manager di primo livello e grande competenza in grado di elaborare e attuare un piano industriale solido e sostenibile”, dichiara il Ministro Gualtieri. “Nasce oggi la nuova compagnia aerea di bandiera, in netta discontinuità con il passato e che dovrà giocare un ruolo da protagonista sul mercato europeo e internazionale. Si tratta di una grande operazione industriale al servizio del Paese, a sostegno della competitività delle nostre imprese e per il rilancio del turismo italiano”, commenta la Ministra De Micheli. “La grave crisi economica provocata dalla pandemia ci permette oggi di pensare a un concreto rilancio della nostra compagnia di bandiera. In un contesto di mercato quasi azzerato abbiamo la possibilità di consentire un serio sviluppo industriale nazionale nel settore del trasporto aereo”, dichiara il Ministro Patuanelli. “Abbiamo bisogno di una compagnia di bandiera che aiuti l’Italia a ripartire. Con la nascita della Newco siamo di fronte ad una sfida ambiziosa, che occorre necessariamente vincere per dotare il Paese di un vettore aereo competitivo e qualificato, che valorizzi le professionalità e le competenze che in questo settore abbiamo da sempre espresso”, afferma la Ministra Catalfo. Il Consiglio di Amministrazione è composto da Francesco Caio (presidente), Fabio Maria Lazzerini (amministratore delegato) e dai consiglieri Alessandra Fratini, Angelo Piazza, Lelio Fornabaio, Frances Vyvyen Ouseley, Simonetta Giordani, Silvio Martuccelli e Cristina Girelli. Il collegio sindacale è composto da Paolo Maria Ciabattoni, Giovanni Naccarato, Marina Scandurra, Gianfranco Buschini e Serena Gatteschi. (USEF)

MATTARELLA: «NON DEVE MAI VENIR MENO LA VOCE DI QUANTI CHIEDONO LA PACE, IL RISPETTO DEI DIRITTI DELL’UOMO, IL CESSATE IL FUOCO»

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al coordinatore del Comitato promotore Catena Umana da Perugia ad Assisi, Flavio Lotti, il seguente messaggio: «Dalla Marcia Perugia-Assisi proviene ogni volta un messaggio popolare molto forte, che scaturisce dalla consapevolezza del carattere integrale della pace e della stretta connessione tra i grandi temi globali, a cominciare dalla lotta alla povertà e alle diseguaglianze, dal contrasto al cambiamento climatico, dalla cooperazione necessaria per assicurare ai popoli quel diritto a uno sviluppo sostenibile che è parte del diritto stesso alla vita e al futuro. Per questo è importante che anche quest’anno la Marcia sia stata confermata, nel rispetto delle condizioni di sicurezza imposte dalla pandemia, e che possa dare a tante persone e a tanti giovani la possibilità di esprimere la volontà di un domani migliore e l’impegno a farsi generatori di pace, a partire dalla realtà quotidiana. La stessa azione di contrasto alla pandemia può diventare una modalità di costruzione della pace. “Time for Peace – Time to Care” è il motto scelto per l’edizione 2020. Il diritto alla cura è un caposaldo della piena cittadinanza, ma la cultura della cura va oltre le capacità del sistema di Welfare di rispondere ai bisogni con qualità ed efficienza: la cultura della cura è una dimensione della fraternità tra gli uomini, è un fattore di coesione sociale e può diventare vettore di un’economia orientata a un più equilibrato e duraturo sviluppo. Nel mondo non mancano conflitti, oppressioni, violenze provocate da odi etnici e integralismi religiosi, non mancano minacce di riarmo nucleare. Non deve mai venir meno la voce di quanti chiedono la pace, il rispetto dei diritti dell’uomo, il cessate il fuoco ovunque si combatta. Al tempo stesso, è quanto mai prezioso che ci sia coscienza di una pace impegnativa per ciascuno di noi, a partire dalla realtà quotidiana e da una educazione alla pace che deve farsi permanente. È con questo spirito che saluto i partecipanti alla Marcia, nell’augurio che i costruttori diventino sempre più numerosi nel cantiere della pace».(USEF)

VITTIME DEL LAVORO, IL PRESIDENTE CASELLATI: OGNI MORTE BIANCA È UNA SCONFITTA PER LO STATO

"Ogni morte bianca, infortunio o rischio corso da un lavoratore rappresenta una sconfitta per lo Stato. Come ha confermato il dramma della pandemia, garantire la salute e l'incolumità in fabbrica, negli uffici, in tutti i luoghi di lavoro è una priorità assoluta per il nostro Paese". Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati. "In questa settantesima giornata nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro desidero rivolgere un particolare pensiero ai familiari di tutti coloro che, anche nel corso di questa emergenza sanitaria, hanno pagato con la vita la mancanza di tutele e condizioni di sicurezza mentre compivano il proprio dovere" conclude il Presidente Casellati. (USEF)

DECRETO PER IL SOSTEGNO E IL RILANCIO DELL'ECONOMIA, APPROVAZIONE DEFINITIVA

La Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge di onversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia (Approvato dal Senato) (C. 2700). Nella parte pomeridiana della seduta, la Camera, con 294 voti favorevoli e 217 contrari, ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sull'approvazione senza emendamenti, subemendamenti e articoli aggiuntivi dell'articolo unico del medesimo provvedimento. Successivamente si è svolta la discussione generale della mozione Invidia ed altri n. 1-00377 concernente iniziative volte all'introduzione di appositi indicatori del livello di digitalizzazione e innovazione (indice "Desi") nell'ambito del Documento di economia e finanza (vedi allegato) e la discussione generale della mozione Prestigiacomo ed altri n. 1-00355 concernente iniziative per la realizzazione del Ponte sullo stretto di Messina, nell'ambito di un più ampio programma di rilancio infrastrutturale ed economico (vedi allegato). (USEF)

SERENI CELEBRA VENT’ANNI CONVENZIONE PALERMO; UNO DEI SOGNI DI FALCONE

La Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni ha aperto, insieme alla Direttrice esecutiva di UNODOC Ghada Waly, i lavori in videoconferenza dell’evento per il ventennale della Convenzione di Palermo - firmata nel dicembre 2000 - promosso dall’Italia insieme all’Ufficio delle Nazioni Unite per la lotta alla Droga e al Crimine (UNODC). “A quasi 20 anni dalla firma di questo importantissima Convenzione - ha dichiarato Sereni - ricordiamo che essa prese avvio dopo il brutale assassinio del giudice Giovanni Falcone da parte della mafia. Falcone fu tra i primi a comprendere la necessità di un trattato internazionale contro la criminalità organizzata, era uno dei suoi sogni. Anche per questo, mentre celebriamo l’anniversario della Convenzione, vogliamo rendergli omaggio”. “Oggi tutti i Paesi - ha detto ancora la Vice Ministra - devono affrontare le sfide della criminalità organizzata e siamo consapevoli che l'unico modo per farlo efficacemente è agire insieme. Negli ultimi anni, il crimine è diventato sempre più transnazionale, perfezionando le sue tecniche, spostando illegalmente capitali e risorse oltre le frontiere e trafficando beni ed esseri umani. Ha sfruttato le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e ha sviluppato nuovi canali, quali la criminalità ambientale e quella informatica. Senza dimenticare che ora sta cercando di sfruttare le nostre vulnerabilità a seguito della pandemia di Covid-19”. “Per realizzare appieno il potenziale della Convenzione dobbiamo strategicamente guardare al futuro, e saper includere l'uguaglianza di genere e i diritti umani come elementi essenziali nella lotta contro il crimine internazionale organizzato. Infine - ha concluso Sereni - voglio esprimere tutta la mia stima e gratitudine agli eroi di questa battaglia: giudici, poliziotti, esperti della sicurezza e dell'intelligence, ma anche tanti attori della società civile che, con il loro lavoro cruciale, ci permettono di celebrare oggi tanti risultati positivi”. (USEF)