PARTECIPAZIONE DELLA VM DEL RE ALLA XXIII RIUNIONE DEL COMITATO NAZIONALE PER L’AZIONE UMANITARIA CONTRO LE MINE ANTI-PERSONA (CNAUMA)

Si è oggi tenuta la XXIII riunione del Comitato Nazionale per l’Azione Umanitaria contro le Mine Anti-persona (CNAUMA),

organo consultivo che viene convocato una volta all’anno su impulso del MAECI al quale partecipano i Dicasteri e i rappresentanti della società civile impegnati nel bando contro le mine anti-persona. Introducendo i lavori, la Vice Ministra per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, Emanuela del Re, ha confermato il sostegno italiano all’attuazione delle Convenzioni di Ottawa per la proibizione dell’uso, stoccaggio, produzione e vendita delle mine antiuomo, nonché a quella di Oslo sulle munizioni a grappolo. Nel ricordare che l’Italia detiene nel 2020 la presidenza del Comitato sull’assistenza alle vittime, nel quadro della Convenzione di Ottawa, la Vice Ministra Del Re ha illustrato le linee strategiche per il 2020 nella gestione del “Fondo Nazionale per lo Sminamento Umanitario”, che conta nel 2020 su una dotazione di circa 4 milioni di euro e le cui attività si concentreranno principalmente, con un approccio integrato, sulla bonifica dei territori, l’educazione al rischio e l’assistenza alle vittime con particolare attenzione alla dimensione economico-sociale dell’azione contro le mine. In particolare, sono previste iniziative nei teatri di crisi più deteriorati, prevalentemente in Africa e Medio Oriente, tra cui: Libia, Yemen e Siria. Nel corso del suo intervento, la Vice Ministra ha altresì espresso rammarico per l’annuncio dell’amministrazione statunitense di interrompere la moratoria de facto sull’uso di mine anti-persona da parte dei propri contingenti militari, che fino ad ora valeva soltanto per la Penisola coreana. “Benché Washington non sia parte della Convenzione, si tratta di un segnale negativo” ha affermato la Vice Ministra “che anche l’Unione Europea ha stigmatizzato”. La Vice Ministra ha infine ricordato la sua partecipazione alla “Giornata Nazionale delle vittime civili della guerra e dei conflitti”, di cui ha sottolineato l’importanza nell’ambito delle attività della società civile, e confermato il proprio impegno perché possa proseguire il proprio iter parlamentare il disegno di legge c.d. “sui disinvestimenti”, che prevede il divieto per gli intermediari finanziari di sostenere qualsiasi operazione di credito nei confronti di imprese, con sede in Italia o all’estero, avente ad oggetto mine anti-persona, munizioni e sub munizioni a grappolo. (USEF)

MATTARELLA NOMINA SAMI MODIANO CAVALIERE DI GRAN CROCE DELL’ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato Sami Modiano, testimone diretto degli orrori di Auschwitz, Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica. In occasione del suo 90º compleanno, che cade oggi, il Presidente Mattarella ha fatto pervenire a Sami Modiano i suoi auguri più sentiti. Nella foto di repertorio Mattarella e Modiano (USEF) CORONAVIRUS, MUSUMECI: "SERVE UNA MAGGIORE DISCIPLINA COLLETTIVA" "Salgono a 181 i positivi al Coronavirus in Sicilia. Un dato che ci impone di fare appello a una maggiore disciplina collettiva. Evitare gli assembramenti, usare la mascherina nei luoghi all'aperto frequentati, usarla sempre nei luoghi chiusi (tranne a casa propria), mantenere la distanza di un metro con persone non conviventi, l'uso di guanti e mascherina per gli operatori commerciali di generi alimentari (anche ambulanti). Tutto questo può costituire un piccolo fastidio, ma ci dà un grande aiuto nel tenere bassa la probabilità del contagio. Confidiamo perciò nel senso di responsabilità di ognuno -soprattutto dei giovani - e nella accurata vigilanza delle Forze dell'ordine. Vorremmo evitare di adottare nei prossimi giorni misure restrittive, ma non ci sentiamo di escluderle". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, a proposito degli affollamenti verificatisi negli ultimi giorni in molte città dell'Isola. (USEF)

ECONOMIA - STANDARD&POOR'S CONFERMA IL RATING DELLA REGIONE

Standard&Poor's conferma il rating della Regione siciliana a BBB- e l'Outlook stabile. Il "rating" è un giudizio che viene espresso da un soggetto esterno, l'agenzia di rating appunto, sulle capacità di una società o di uno Stato di pagare o meno i propri debiti. L'"outlook" è un ulteriore strumento valutativo, che indica la previsione a medio e lungo termine, ovvero le stime di crescita per la società oggetto di valutazione. "La Regione Siciliana anche in questo difficile frangente, legato all'emergenza Covid-19, potrà continuare la propria politica di risanamento del bilancio e anche in presenza di una riduzione del gettito fiscale, a seguito della contrazione del PIL 2020, sarà in grado di onorare il proprio debito e le spese anche grazie a un probabile supporto del governo nazionale", si legge in una nota dell'Agenzia di rating. A livello nazionale, invece, Standard & Poor's ha lasciato invariato il rating dell'Italia a BBB, mantenendo l'outlook negativo. Nei confronti della Sicilia, la fiducia di S&P "è anche la conseguenza degli accordi firmati negli ultimi anni con il governo centrale. La Regione ha ottenuto maggiori entrate in cambio di maggiori controlli della spesa pubblica", continua la nota. "La Sicilia ha avviato un percorso credibile di risanamento che non può essere interrotto e che rappresenta la precondizione essenziale per riprendere a crescere - commenta il vicepresidente Armao -. La conferma del rating da parte di Standard&Poor's è un risultato che rappresenta, pur nella difficoltà del momento legato agli effetti della pandemia da Covid 19 sul sistema produttivo siciliano, il riconoscimento della credibilità dell'azione portata avanti in questi mesi. In un contesto di finanza pubblica ancora complicato, nel quale si attendono ancora risposte risolutive dallo Stato, questa importante agenzia di rating ancora una volta ha incoraggiato proprio la gestione dei conti pubblici regionali". (USEF)

CERIMONIA DEL "VENTAGLIO": MERCOLEDÌ 29 IL PRESIDENTE CASELLATI INCONTRA LA STAMPA PARLAMENTARE

Il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, incontrerà i giornalisti della Stampa Parlamentare mercoledì 29 luglio, alle ore 11.30 a Palazzo della Minerva, nella Sala Capitolare, per la tradizionale cerimonia del "Ventaglio". Nel rispetto delle misure per il contenimento dell'emergenza da Covid-19 potranno accedere in Sala solo i giornalisti parlamentari invitati su indicazione dell'Associazione Stampa Parlamentare. L'incontro sarà trasmesso in diretta dalla WebTv e dal canale YouTube del Senato. (USEF)