CRONACA DAI PALAZZI DELLA POLITICA 75 ANNI DELL'AGENZIA: MATTARELLA VISITA LA SEDE DELL'ANSA

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato la sede dell'ANSA in occasione del 75° anniversario della sua fondazione, accompagnato da Giulio Anselmi,

Stefano De Alessandri e Luigi Contu, rispettivamente Presidente, Amministratore Delegato e Direttore dell’agenzia di stampa. Nel corso della visita, il Capo dello Stato ha incontrato i componenti del Consiglio di Amministrazione e una rappresentanza del personale di redazione. (USEF)

SENATO: LAVORI D’AULA

Giovedì 16, alle 15, è previsto un question time con il Presidente del Consiglio; a seguire, l'esame del ddl n. 835 in materia di lite temeraria. Dal 20 al 24 gennaio, in vista delle elezioni regionali, non sono previste sedute. Il 28 gennaio sarà discussa la relazione sulla giustizia; il 29 e 30 gennaio sarà esaminato il decreto-legge su Alitalia. La Conferenza dei Capigruppo è convocata mercoledì 15 gennaio alle 18 in Sala Pannini. Calendario dei lavori fino al 30 gennaio (USEF)

SCOMPARSA DI GIAMPAOLO PANSA: IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE CASELLATI 

"Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di Giampaolo Pansa, una delle firme più autorevoli del giornalismo italiano, scrittore e polemista di razza, punto di riferimento e maestro per molte generazioni di giornalisti". Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati ricordando il giornalista e scrittore scomparso all'età di 84 anni. Il Presidente Casellati ha aggiunto: "Pansa ha raccontato oltre mezzo secolo di storia italiana, lavorando per le testate più prestigiose e legando il suo nome alla cronaca dei fatti cruciali del nostro Paese. Al mestiere di giornalista ha saputo affiancare il lavoro dello storico, contrassegnandolo con un approccio rigoroso, a volte scomodo e certamente mai neutrale, sempre pronto a indagare la verità senza alcuna preclusione ideologica". "Di lui ci mancheranno la forte personalità, la grande autonomia di pensiero, il coraggio nel difendere le proprie idee" ha concluso. (USEF)

PD. CATANZARO: SUCCESSO CAMPAGNA DI TESSERAMENTO CONSEGUENZA DI UN IMPEGNO COSTANTE SUL TERRITORIO

“I dati della campagna di tesseramento in provincia di Agrigento dimostrano una rinnovata attenzione del territorio nei confronti del Partito Democratico. Anche realtà territoriali dell'agrigentino che negli ultimi anni hanno segnato un arretramento del radicamento democratico, oggi registrano numeri importanti”. Lo dice Michele Catanzaro parlamentare regionale del Partito Democratico. “La provincia di Agrigento – aggiunge - risulta essere la seconda, dietro solo Catania, per numero di tesserati in rapporto agli abitanti e terza in termini assoluti dietro Catania e Messina. Numeri importanti, conseguenza di un impegno parlamentare, finalmente, vicino ai problemi veri delle nostre comunità, che confermano l’esistenza del materiale umano su cui costruire una nuova stagione di protagonismo politico. Sono certo – conclude Catanzaro - che a partire dalla stagione dei congressi, che da qui a breve si aprirà, e che dovrà dare voce agli iscritti per la scelta del segretario, il partito Democratico tornerà ad essere, come un tempo, protagonista della vita politica del nostro territorio".(USEF)

SICILIA; PENSIONI D'ORO: FIGUCCIA (UDC), GUAI A TORNARE INDIETRO, DOPO I VITALIZI CONTINUIAMO A TAGLIARE SUPER PENSIONI DEGLI EX DIRIGENTI REGIONALI

PALERMO - “Quanto si paventa possa accadere in Senato con riferimento al taglio dei vitalizi va scongiurato per la Sicilia. Adesso, il provvedimento osannato dai Cinquestelle circa la riduzione dei vitalizi, si sta rivelando un flop davanti alle osservazioni dei parlamentari-giudici della commissione contenzioso che boccia la norma approvata nei mesi scorsi. In Sicilia, a calci e morsi, dopo mesi di resistenze, abbiamo evitato all’ultimo momento una decurtazione milionaria delle somme che lo Stato trasferisce annualmente per il welfare regionale e per i servizi sanitari. Per cui ci opponiamo a qualunque dietrofront o eventuale ripensamento che possa essere già dietro l’angolo. Puntiamo invece, com’è ragionevolmente previsto nell’esercizio provvisorio, al mantenimento dei tetti alle pensioni d’oro percepite dagli ex dirigenti dell’amministrazione regionale, quale segno evidente di chi vuole garantire una maggiore giustizia sociale e una redistribuzione delle ricchezze. Mi auguro che questa norma, sia approvata senza remore dall’Aula evitando come è stato per i vitalizi, vergognosi stenti e remore che non sono compatibili con il sentire comune dei siciliani. È necessario che si continui a tagliare anche sulle super pensioni da 160 mila euro annui così da rendere la Sicilia una terra meno paradossale e più credibile”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell'Udc. (USEF)