DICHIARAZIONE DI MATTARELLA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «I rifugiati ci ricordano ogni giorno, con forza, vicende di sofferenza, di discriminazione, di separazione da famiglie, terre e radici.

Ciascun popolo, nella sua storia, è stato vittima dl tragedie di questa natura. Le gravi difficoltà che affliggono popoli di regioni a noi anche molto vicine meritano un'attenta riflessione sulle cause di questi drammi e sulle risposte che richiedono. L'Italia, in prima linea nell'adempiere con costanza e determinazione ai suoi doveri di solidarietà, assistenza e accoglienza, vede l'alto impegno morale e giuridico di protezione verso coloro che fuggono dalle persecuzioni, sancito dalla Convenzione di Ginevra del 1951, tra i principi fondamentali della nostra Costituzione. Le donne e gli uomini dello Stato rappresentano, per chi fugge da quelle condizioni, il primo volto amico, la mano tesa per un contatto umano e solidale. Merita di essere ricordata la meritoria esperienza dei trasferimenti umanitari di rifugiati particolarmente vulnerabili che, grazie ai vari canali di collaborazione delle autorità con la società civile - cui va tutta la mia riconoscenza - consentono di trarre in salvo e condurre in Italia centinaia di beneficiari. La giornata odierna ci ricorda anche che nessun Paese è in grado da solo di rispondere a questa sfida. Il superamento della logica emergenziale e la definizione di risposte lungimiranti e sostenibili fondate sui principi di responsabilità e solidarietà, vanno concertati e condivisi dalla comunità internazionale e, anzitutto, a livello europeo, come sancito dai trattati. L'Unione deve essere protagonista per sviluppare una politica comune che riesca a mitigare i conflitti e sostenere le esigenze di sicurezza e sviluppo dei popoli più esposti alle crisi umanitarie, attraverso un partenariato strutturato con i Paesi e le comunità che ospitano rifugiati e richiedenti asilo. La preziosa opera dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati va affiancata da una vigorosa iniziativa internazionale in questa direzione».(USEF)

NUOVO GRUPPO POLITICO ALL’ARS AGITA LA GIÀ LITIGIOSA MAGGIORANZA SICILIANA

La nascita era stata in qualche modo preannunciata sabato scorso a Palermo in occasione della convention di Diventerà Bellissima, il movimento del Governatore Musumeci, e adesso diventa realtà. All’Ars è stato depositato il documento di costituzione del gruppo parlamentare “Ora Sicilia, al quale aderiscono i deputati Luigi Genovese, Luisa Lantieri e Daniela Ternullo. Che lasciano rispettivamente i gruppi di Forza Italia, Pd e Cantiere popolare-Mpa. Un nuovo gruppo che, nelle intenzione dei promotori, dovrebbe costituire quella “terza gamba” del Centrodestra a guida leghista auspicata dallo stesso Musumeci e dal Governatore della Liguria Giovanni Toti. Il capogruppo sarà Luigi Genovese, figlio di Francantonio, ex Pd poi passato in Forza Italia, che già alle scorse europee si era schierato con la Lega in polemica con il leader azzurro in Sicilia Gianfranco Miccichè. (continua a leggere: https://www.blogsicilia.it/palermo/nuovo-gruppo-politico-allars-agita-la-gia-litigiosa-maggioranza-siciliana/488419 ) Read more at https://www.blogsicilia.it/palermo/nuovo-gruppo-politico-allars-agita-la-gia-litigiosa-maggioranza-siciliana/488419/#BVCxjK8uLGg8iJke.99

MATTARELLA ALL’ADUNANZA SOLENNE DI CHIUSURA DELL’ANNO ACCADEMICO DELL’ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto, a Palazzo Corsini, all’Adunanza solenne di chiusura dell’anno accademico dell’Accademia Nazionale dei Lincei. Hanno preso la parola: Giorgio Parisi, Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Alberto Quadrio Curzio, Presidente emerito dell’Accademia Nazionale dei Lincei. (USEF)

IL 24 E 25 A BERLINO GLI INCONTRI DI FICO E DELLA COMMISSIONE ESTERI DELLA CAMERA CON IL PRESIDENTE SCHAUBLE E I DEPUTATI DELLA COMMISSIONE ESTERI DEL BUNDESTAG 1350

La Commissione Affari esteri e comunitari della Camera dei deputati si recherà il 24 e il 25 prossimi in visita a Berlino nel contesto di una iniziativa finalizzata all'ulteriore rafforzamento delle già ottime relazioni parlamentari italo-tedesche, assunta dal Presidente del Bundestag, Wolfgang Schauble, e dal Presidente della Camera, Roberto Fico. Il programma di lavoro della Commissione a Berlino prevede innanzitutto, il 24 giugno, un incontro con l'omologa Commissione del Bundestag con cui saranno affrontate tematiche di comune interesse, connesse all'attuale quadro geopolitico regionale ed internazionale, ai diritti umani e al caso di Giulio Regeni. L'agenda di lavoro della Commissione includerà anche un colloquio con il Vice Ministro per gli Affari esteri, Niels Annen, e un incontro con analisti di politica estera presso la Fondazione Konrad Adenauer. La delegazione della Commissione sarà guidata dalla Presidente Marta Grande (Movimento 5 Stelle), ne faranno parte i deputati Laura Boldrini (Liberi e Uguali), Gualtiero Caffaratto (Lega-Salvini Premier), Andrea Delmastro Delle Vedove (Fratelli d'Italia), Yana Chiara Ehm (Movimento 5 Stelle), Maurizio Lupi (Misto-Noi con l'Italia-Usei) e Lia Quartapelle Procopio (Partito democratico). Martedì 25 si svolgerà invece l'incontro tra i Presidenti delle due Camere. Al centro del colloquio, i principali temi di attualità europea e di interesse comune, nonché la questione della promozione e tutela dei valori dell'Unione europea nel mondo, con particolare riferimento al rispetto dei diritti umani e al caso del giovane ricercatore italiano ucciso in Egitto. (USEF)

VIGILANZA RAI, AUDIZIONE USIGRAI E FNSI SU PIANO INDUSTRIALE RAI 2019-2021 -

ALLE 12 DIRETTA WEBTV 1348 Giovedì 20 giugno, alle ore 12, la Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, presso l'Aula del II piano di Palazzo San Macuto, ha svolto l'audizione dell'Unione sindacale giornalisti Rai (Usigrai) e della Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi) sul piano industriale della Rai 2019-2021. L'appuntamento è stato trasmesso in diretta webtv. (USEF) CASELLATI: «ACCOGLIENZA È PRINCIPIO INDEROGABILE MA SULLA CRISI MIGRATORIA SERVE COOPERAZIONE SU LARGA SCALA» «Il soccorso, l'assistenza e l'accoglienza a chi fugge dalla miseria, dalla guerra, dalle violenze, sono principi universali ai quali nessun Paese civile può derogare. Ma perché l'accoglienza possa andare di pari passo con l'integrazione e l'inclusione, serve una cooperazione concreta e su larga scala». Lo ha detto il Presidente del Senato Elisabetta Casellati in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato istituita per volere delle Nazioni Unite. Il Presidente Casellati ha aggiunto: «La storia del nostro Paese è una storia fatta di solidarietà, elemento fondante del nostro Stato di diritto. Ma non si può pensare di continuare a chiedere all'Italia di affrontare pressoché da sola una crisi migratoria di così ampia portata e che sarà "il" fenomeno" con cui bisognerà fare i conti anche nei prossimi decenni» «Non va dimenticato che oggi i cittadini mettono la sicurezza al primo posto fra le loro esigenze e questa istanza non può rimanere inascoltata. L'Europa del futuro dovrà essere necessariamente un'Europa più solidale ma anche più sicura. E nessuno tra i Paese europei dovrà più girarsi dall'altra parte» ha concluso. (USEF)