CURA DIMAGRANTE PER LA REGIONE, TAGLIATE 228 POSTAZIONI DA DIRIGENTE

DA PALERMO TODAY - „Via libera della Giunta regionale alla “rimodulazione degli assetti organizzativi dei dipartimenti regionali”. Il provvedimento comporta una "dieta" per gli uffici, con la cancellazione di 228 postazioni sulle 1.439 attualmente presenti

nei 27 dipartimenti. Il nuovo Piano è il frutto del lavoro del segretario generale della presidenza della Regione, Maria Mattarella, con i dirigenti generali e della concertazione con i sindacati da parte del dirigente generale della Funzione pubblica Rosalia Pipia.“ „"Abbiamo mantenuto l’impegno assunto all’inizio del nostro mandato - commenta il presidente della Regione Nello Musumeci - Diminuiscono le postazioni dirigenziali all’interno dell’amministrazione regionale. Siamo andati oltre rispetto a quanto prevedeva la legge. Non una riduzione legata semplicemente alla percentuale del personale andato in pensione, ma un taglio che supera il quindici per cento delle strutture. E’ stato messo un freno a scelte irresponsabili compiute nel passato che hanno fatto la nostra Regione un esempio in negativo".(continua a leggere: https://www.palermotoday.it/politica/regione-siciliana-taglio-posti-dirigenti-musumeci.html

DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE MATTARELLA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMOFOBIA LA BIFOBIA E LA TRANSFOBIA

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «La tredicesima Giornata Mondiale contro l’Omofobia la Bifobia e la Transfobia, istituita dal Parlamento Europeo nel 2007, costituisce l’occasione per riaffermare la centralità del principio di uguaglianza sancito dalla nostra Costituzione e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea contro ogni forma di discriminazione inerente all’orientamento sessuale o alla identità di genere. Inammissibili e dolorosi episodi di aggressività e intolleranza continuano a verificarsi causando sofferenze nelle vittime. Pertanto, la denuncia e la lotta all’omofobia deve costituire un impegno deciso e costante per le istituzioni e per ciascuno di noi. Come più volte affermato, occorre promuovere la cultura dell’inclusione e del rispetto di ogni differenza con iniziative adeguate e idonee nella famiglia, nella scuola, nelle varie realtà sociali ed in ogni forma di comunicazione, e far sì che questa cultura si traduca in comportamenti quotidiani. Solo attraverso un percorso di legalità non disgiunto dai principi di solidarietà propri della nostra tradizione civile potremo sconfiggere ogni forma di intolleranza e di violenza. Su queste basi va proseguita la ricerca delle misure sempre più adeguate ed efficaci per abbattere i più diversi fenomeni di esclusione sociale, consolidando i valori ideali e morali su cui si fonda una civile convivenza democratica».(USEF)

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE MATTARELLA IN OCCASIONE DELL'ASSEMBLEA ANNUALE DI R.E TE IMPRESE ITALIA

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Presidente di R.E TE. Imprese Italia, Giorgio Merletti, il seguente messaggio: «Rivolgo un cordiale saluto a tutti i partecipanti all’Assemblea annuale di R.E TE. Imprese Italia, che quest’anno si tiene a pochi giorni dalle elezioni europee; un’opportunità che ci rammenta la nostra appartenenza a una casa comune, cui dobbiamo contribuire con impegno per dare nuovo slancio a un modello basato su diritti, libertà, responsabilità e solidarietà, al fine di superare insieme le criticità. In un contesto globale caratterizzato da rischi, tensioni e incertezza, appare sempre più evidente il ruolo propulsivo dell’apertura del commercio, della libera circolazione e del mercato unico per l’iniziativa d’impresa, gli investimenti e la crescita. Allo stesso tempo, l’accentuarsi dei divari e le difficoltà di molti cittadini europei richiedono un rafforzamento della dimensione sociale e strumenti per uno sviluppo più equilibrato, inclusivo e sostenibile. In una fase di congiuntura economica debole, anche sul fronte della domanda interna, è necessario uno sforzo collettivo con misure appropriate per rilanciare la fiducia di famiglie e imprese, gli investimenti, l’innovazione, i finanziamenti all’economia reale e l’occupazione. Il ruolo dei corpi intermedi e dell’associazionismo, indispensabile per rappresentare le piccole e medie imprese e l’artigianato, base del nostro tessuto economico e sociale, può contribuire a una visione di ampio respiro su come cambiare in meglio l’Italia, l’Europa e il nostro futuro. Con questo spirito formulo a tutti i miei più cordiali auguri di buon lavoro».(USEF)

IL MINISTRO MOAVERO A HELSINKI PER LA 129° SESSIONE DEL COMITATO DEI MINISTRI DEL CONSIGLIO D’EUROPA

Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, partecipa oggi a Helsinki alla 129° sessione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. La riunione, ospitata dalla Presidenza di turno finlandese, celebra il 70° anniversario del Consiglio d’Europa che ha sede a Strasburgo e di cui l’Italia è membro fondatore; l’organizzazione internazionale riunisce oggi 47 Stati europei e 5 Paesi osservatori (Canada, Giappone, Messico, Santa Sede e Stati Uniti). Alla riunione saranno adottate decisioni significative in materia di: diritti e doveri degli Stati membri e azione degli organi statutari; protezione e promozione del ruolo, funzionalmente strutturato, della società civile; efficace tutela dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di Diritto, in particolare nel contesto delle sfide collegate allo sviluppo della tecnologia dell’intelligenza artificiale. (USEF)

INTERVENTI UMANITARI DELLA COOPERAZIONE ITALIANA IN LIBIA

In considerazione degli scontri che stanno interessando l'area di Tripoli, la Vice Ministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha deciso di intensificare l’azione umanitaria della Cooperazione Italiana in Libia, attraverso due contributi finanziari del valore complessivo di 1.000.000 Euro a favore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del Comitato Internazionale della Croce Rossa. L’aiuto italiano risponde alle richieste di sostegno internazionale presentate dai due Organismi, contribuisce a rafforzare l’assistenza umanitaria, soprattutto in campo sanitario, alla popolazione civile colpita dal conflitto e accompagna l’azione determinata svolta dal Governo italiano per favorire una rapida cessazione delle ostilità, il ritorno al dialogo e la ricerca di una soluzione politica alla crisi libica. (USEF)