Brevi dal mondo

LA PROSSIMA SETTIMANA A SAUCE (URUGUAY) I FESTEGGIAMENTI PER I PRIMI 17 ANNI DELLA LOCALE "SOCIETÀ ITALIANA" MONTEVIDEO\ aise\ - Il prossimo 23 novembre, a Sauce, città uruguayana a 35 chilometri da Montevideo, la locale "Società Italiana" festeggerà il suo 17° anniversario. Il programma inizierà alle 10.30 con la celebrazione della Santa Messa, nella Chiesa Parrocchiale della Sacra Famiglia, in ricordo dei cittadini italiani scomparsi. Quindi, verrà deposta una corona di fiori ai piedi del Monumento al Generale Jose Artigas. Di seguito, nella piazza di Sauce, verrà inaugurata una stele in onore della comunità italiana locale. La festa proseguirà a tavola, nel Salone parrochiale, dove verrà servito il pranzo sociale. (aise) DAL COMITES DI MONACO L’INCONTRO CON L’ATTORE PUGLIESE LINO BANFI MONACO\ aise\ - Si terrà giovedì 20 novembre, alle 19.30, presso la sala conferenze dell’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera, l’incontro con l’attore Lino Banfi organizzato dal Comites e dal Consolato Generale di Monaco di Baviera. Durante la serata, dopo la proiezione del film "Il Padre delle Spose", diretto ed interpretato dallo stesso artista, l’attore pugliese, che si trova attualmente a Monaco per le riprese del film "Maria, ihm schmeckt’s nicht", tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore Jan Weiler, risponderà alle domande che il pubblico presente vorrà rivolgergli. (aise) CONTINUA LA PROTESTA CONTRO LA LEGGE GELMINI: SCENDONO IN PIAZZA ANCHE I GIOVANI ITALIANI ALL’ESTERO ROMA\ aise\ - I giovani italiani sono tornati in piazza: questa mattina è partito a Roma il corteo promosso dai sindacati Cgil e Uil contro i provvedimenti contenuti nella Legge Gelmini su università e ricerca. Ma la protesta non si ferma ai confini nazionali: anche i giovani che studiano all’estero hanno deciso di manifestare organizzando sit in di fronte alle Ambasciate o ai Consolati italiani delle città dove risiedono o dove stanno svolgendo l’Erasmus. E se questo pomeriggio alle 15 inizierà la manifestazione organizzata a Bruxelles, altre si sono già svolte in tantissime città europee. A mezzogiorno sono scesi in strada gli studenti di Madrid, che si sono dati appuntamento di fronte all’IIC, a Parigi – dove gli studenti hanno attivato anche il sito www.nogelminiparis.fr – la manifestaizone si è tenuta questa mattina di fronte al Consolato. A Copenaghen gli studenti hanno scelto, invece, la residenza dell’Ambasciatore, mentre a Berlino i giovani si sono riuniti di fronte all’Ambasciata. E ancora, proteste e sit in si sono svolti ad Istanbul, Granada, Anversa, Siviglia, Londra , Lisbona, Birmingham, Stoccarda, Palma de Mallorca, Almeria, Barcellona, mentre sta per iniziare la manifestazione di Lione – alle 14.00 di fronte al Consolato - e quella di Aarhus, dove, sempre alle 14 un corteo partirà dalla stazione centrale fino al consolato. (aise) PENSIONI DI GUERRA: SE NE PARLA SU RAITALIA NELLA PROSSIMA PUNTATA DI "SPORTELLO ITALIA" ROMA\ aise\ - Tutte le informazioni sulle pensioni di guerra nella puntata del prossimo 17 novembre di "Sportello Italia", trasmissione storica di Raitalia condotta da Giovanna Carollo che, per l’occasione ospiterà in studio l’avvocato Claudio Piersanti, del Patronato Acli. Sollecitato dalle lettere dei telespettatori, Piersanti risponderà ad alcune domande ricordando quali sono i requisiti per ottenere una pensione di guerra. Non mancheranno anche le informazioni utili per accelerare l'iter delle pratiche. "Sportello Italia" va in onda su Raitalia 1 (Americhe) dal martedì al sabato alle 00.30 (ora italiana); su Raitalia 2 (Australia e Oceania) dal martedì al sabato alle 10.00 (ora italiana); su Raitalia 3 (Africa e Asia) dal lunedì al venerdì alle 18.15 (ora italiana). In Europa Italia compresa sul canale 804 di Sky dal lunedì al venerdì alle 18,45. Gli italiani all'estero possono comunicare con la trasmissione attraverso la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ogni puntata è visibile il giorno dopo la messa in onda su internet, on demand all'indirizzo www.international.rai.it. (aise) DAL COMITES DI HANNOVER UN CONVEGNO PER I GENITORI ITALIANI IN BASSA SASSONIA HANNOVER\ aise\ - Organizzato dal Comites di Hannover e dall’Integrationsbeauftragte des Landes Niedersachsen, il Niedersächsisches Kultusministerium, il COASCIT Hannover e.V. e dal sindacato IG BCE, si è svolto ieri nella cittadina tedesca un convegno dedicato ai Genitori Italiani in Bassa Sassonia. Alla giornata hanno partecipato circa 120 persone provenienti da diverse zone della Bassa Sassonia, grazie soprattutto all’impegno del Presidente del COASCIT, Santo Vitellaro, che ha mobilitato la maggior parte dei presenti. Dopo i saluti di Giovanni Pollice, del sindacato IG BCE, e del Segretario di Stato, Peter Uhlig, ha preso la parola il Presidente del Comites, Giuseppe Scigliano che ha messo in evidenza l’attuale situazione scolastica dei bambini italiani, sottolineando che sono quelli ad avere più problemi a scuola. Il presidente ha poi illustrato le statistiche che riguardano gli adulti dalle quali si evince come questi siano impossibilitati ad aiutare i figli nello svolgimento dei compiti. Scigliano, ha così esortato i presenti ad impegnarsi nel sensibilizzare i connazionali a mandare i loro ragazzi ai corsi di doposcuola avviati dal COASSCIT. Inoltre, ha ricordato con rammarico che il Governo regionale ha decretato la chiusura dei corsi di lingua e cultura italiana a partire dalla quinta classe. Infine, Scigliano ha commentato i tagli previsti dalla finanziaria ai fondi destinatoi agli italiani all’estero. (aise) IL 1° DICEMBRE A BERLINO UN DIBATTITO SUL FUTURO DELLA GASTRONOMIA ITALIANA PROMOSSO DA "CIAO ITALIA" BERLINO\ aise\ - Discutere sui problemi che rallentano il cammino della gastronomia italiana a Berlino. Questo l’obiettivo dell’incontro-dibattito promosso il prossimo 1° dicembre dall’associazione "Amici del Ciao Italia" di Berlino, presieduta da Mario Ferrera. L’incontro si terrà dalle 15 alle 17 all´Hotel Mercure Berlin Checkpoint Charlie (Schützenstraße 11) a Berlino. "Non vogliamo far finta che tutto va bene", scrive nell’invito il Presidente Ferrera, "ed é per questo che aspettiamo i vostri interventi con proposte innovative e costruttive. L’associazione vuole essere al servizio degli associati. Desideriamo creare per i ristoranti, le trattorie, le salumerie, gli importatori e i distributori italiani, una piattaforma comune dove risolvere i problemi principali che gravano sulle nostre attività. Per esempio, come riavvicinare la clientela alle nostre pizzerie, come preservare il nostro stile italiano di cucinare da invasioni "barbariche", come avere personale adatto alle esigenze lavorative dei ristoratori". "Insieme – scrive ancora Ferrera – vogliamo intraprendere un nuovo cammino, facendo buon uso delle esperienze belle del passato per risvegliare l’entusiasmo e la voglia di fare sistema. Siamo ambasciatori di una cultura culinaria che ha radici molto profonde, siamo anche gli unici nel nostro stile che nel passato l’hanno saputa diffondere. Ritorniamo ad essere protagonisti delle nostre tradizioni. Vi aspetto numerosi, il ritorno al futuro è nelle nostre mani!". GLI APPUNTAMENTI DEL COMITES DI MONACO CON LA COMUNITÀ ITALIANA DELLE CITTÀ TEDESCHE DI NEU-ULM LAUINGEN E DILLINGEN AN DER DONAU MONACO\ aise\ - Numerosi glia appuntamenti del Comites di Monaco di Bavieri con la comunità italiana in Germania. Si è cominciato il 4 novembre scorso, con la vista del vicepresidente del Comites, Mauro Ricci, accompagnato dal Console aggiunto, Alberto Dal Degan, e dal locale Corrispondente consolare, Maurizio Moretti, alla comunità italiana di Neu-Ulm, organizzata nella Johannissaal, in collaborazione con don Giuseppe Gilberti della Missione Cattolica Italiana. La visita è iniziata con una sosta presso gli stabilimenti della Giorgio Passigatti GmbH, dove hanno incontrato il fondatore, Giorgio Passigatti. La Giorgio Passigatti GmbH è un'impresa leader nel settore della moda italiana, fondata in Germania nel 1950, che oggi assiste 17.000 negozi specializzati di moda in 58 paesi in tutto il mondo, con un fatturato annuale di oltre 17,5 milioni di euro. Il 12 novembre, poi il presidente del Comites, Claudio Cumani, ed il Console Aggiunto, Alberto Dal Degan, hanno visitato la comunità italiana di Lauingen e Dillingen an der Donau, accompagnati dal locale corrispondente consolare, Salvatore Perinu. All’incontro con i sindaci Wolfgang Schenk, di Lauingen, e Frank Kunz di Dillingen, è seguita la visita agli stabilimenti di Lauingen della SAME DEUTZ-FAHR, una delle tre maggiori aziende mondiali produttrici di trattori, macchine e motori agricoli, ricevuti dal Managing Director, Rainer Morgenstern, dalla responsabile del Marketing, Jutta Restel, e dai dirigenti locali italiani. La SAME DEUTZ-FAHR è un'azienda italiana fondata a Treviglio nel 1927 ed oggi diretta dal Presidente Vittorio Carozza. (aise) I TAGLI AI CONTRIBUTI PER LA COMUNITÀ ITALIANA IN CROAZIA E SLOVENIA: PREOCCUPAZIONE DEL PRESIDENTE DELL’UNIONE ITALIANA RADIN E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA ESECUTIVA TREMUL IN UNA LETTERA A SCHIFANI E FINI FIUME\ aise\ - "Profonda preoccupazione per i consistenti tagli che sono stati operati sui contributi dello Stato italiano in favore della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia". È quanto scrivono il Presidente dell’Unione Italiana, Furio Radin, e il Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, in una lettera inviata al Presidente del Senato, Sen. Renato Schifani, al Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini, e ai capi gruppo di tutti i partiti nei due rami del parlamento, alla Commissione Affari Esteri e alla Commissione Programmazione economica e Bilancio del Senato e della Camera. Nella loro lettera i Presidenti dell’Unione Italiana ricordano che i tagli riguardano anche gli Esuli istriani, fiumani e dalmati e la Comunità Nazionale Slovena del Friuli Venezia Giulia, per le annualità 2009-2011. Per la Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia, la riduzione è pari al 32% rispetto al 2008, mentre è pari al 37% rispetto al 2003. I Presidenti Radin e Tremul, sottolineano inoltre che per l’unica Minoranza autoctona che l’Italia possiede al di fuori dei confini nazionali, "saranno messi a repentaglio le fondamentali attività in favore della Scuola Italiana, delle Comunità degli Italiani e delle principali Istituzioni ed Enti che contribuiscono a produrre e a sviluppare la cultura, la lingua e l’identità italiana sul territorio d’insediamento storico della Comunità Nazionale Italiana in Istria, Quarnero e Dalmazia". "La prevista riduzione finanziaria per il triennio 2009-2011", aggiungono, "comporterà un doloroso e radicale ridimensionamento delle iniziative e delle attività istituzionali consolidate della Comunità Italiana". "Pur coscienti delle difficoltà di Bilancio che assillano l’Italia", Radin e Tremul "rivolgono un accorato appello affinché nella Legge finanziaria per il triennio 2009-2011 rimangano immutati, quindi ancorati ai valori del 2008, i contributi in favore della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia, riaffermando in questo modo la persistenza di un interesse nazionale e strategico dello Stato Italiano nei riguardi della Comunità Italiana". Infine, concludono, "analogamente auspicano non siano ridotti i finanziamenti in favore delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati e in favore della Comunità Nazionale Slovena del Friuli Venezia Giulia". (aise) ROSARIO (ARGETNINA) – ATTIVITA’ " Del 13/11 al 15/11 se realizo en la Cámara de Comercio Italiana un curso de Capacitación de Experto en formulación de proyectos para la Comunidad Europea, el CEIAUSEF participo con uno de sus miembros Lic. Roy Crespi, antropólogo especialista en Economía Solidaria. Dentro de los objetivos de capacitación de nuestra institución se a comenzado así a trabajar en la formación de expertos para brindar servicios a nuestro comunidad, se debe destacar que dicha actividad fue posible gracias al apoyo de la Hon Cámara de Diputados de la Provincia de Santa Fe por intermedio de su Presidente Hon. Eduardo Di Pollina."