Si è svolta oggi in commissione l'interrogazione presentata lo scorso 13 ottobre dal senatore Francesco Giacobbe sugli aiuti agli italiani nel mondo a seguito della crisi da Covid-19. In particolare il Senatore chiedeva di sapere quale è stata la quantità,

in termini economici, dei contributi messi a disposizione da parte del Governo; quale sia la quantità, in termini economici, dei contributi realmente distribuiti; quale parte del mondo abbia interessato tale distribuzione; per quali tipi di interventi siano stati spesi gli aiuti economici. In risposta la viceministra Marina Sereni ha dettagliatamente specificato che le somme disponibili al 14 ottobre 2020 (6 milioni di euro) quasi 2 milioni di euro sono stati impiegati e c'è la richiesta ancora per 1 milione di euro da impiegare nelle prossime settimane. La distribuzione in base alle richieste è così avvenuta: 42% di fondi è andata ai Paesi dell'America Centrale e Meridionale, il 31 % ai Paesi Europei e ai Paesi Balcanici, il 9% ai Paesi Asiatici, il 3% all'America Settentrionale e il 2 % ai Paesi dell'Oceania. La tipologia di richieste hanno rispettato i criteri previsti da parte del Ministero. Sono stati concessi prestiti con promessa di restituzione e l'erogazione di sussidi e in più sono state individuate ulteriori tipologie di interventi tra cui aiuti economici in favore di connazionali titolari di piccole imprese. Il Senatore si è detto soddisfatto della risposta in quanto comprova l'attenzione da parte del Governo e del Ministero verso le nostre Comunità degli italiani nel Mondo. Infine il Senatore ha voluto sottolineare che è indispensabile continuare a mantenere alta l'attenzione per i mesi che verranno così come è stato fatto nei mesi precedenti.