Roma – Estate, viaggi, vacanze. Nei piccoli borghi del Belpaese rientrano gli emigranti, la famiglia si riunisce, è tempo di festa. Da Nord a Sud l’Italia è ricca di appuntamenti dedicati agli italiani all’estero che non dimenticano le proprie radici, la propria cultura, riti e tradizioni.

Feste che si rivelano appuntamenti importanti per le comunità, occasioni di incontro e confronto, di riflessioni e anche leggerezza. La “Festa dell’emigrante” è una manifestazione nata nei piccoli comuni di provincia nell’immediato dopoguerra e rappresentava un tempo una sorta di “ringraziamento” a fronte dei doni ricevuti dagli emigranti. Oggi queste feste sono veri e propri eventi con musica, spettacoli, ospiti provenienti da tutto il mondo, il coinvolgimento delle istituzioni e l’attenzione dei social. A Tarzo, comune della provincia di Treviso, la “Festa dell’emigrante” ad esempio, è giunta alla sua 44esima edizione e prenderà il via sabato 20 luglio. Tra mostre, musica e spettacoli la Festa culminerà domenica 4 agosto con “il gran finale” rappresentato dalla “Giornata dell’Emigrante” con il ritrovo dei Trevisani nel Mondo. “Nelle belle colline di Tarzo – si legge infatti nel programma della manifestazione - si terrà l’annuale Festa dell’Emigrante, che è arrivata alla 44esima Edizione. Tutti gli emigranti si incontreranno per ricordare la loro storia e la loro esperienza vissuta all’estero. Oltre alla rinomata cucina con le specialità tipiche e a tanta musica, ci saranno momenti di divertimento con la 46esima Marcia tra colline e castagni e il 5° Trofeo Prealpi in Rosa. Non mancheranno momenti culturali, con i Cortili dell’Arte, in cui gli artisti esporranno le loro opere” e nei vari cortili sarà possibile ammirare anche i murales che ricordano momenti di vita passata. Giunge invece alla sua 40esima edizione la “Festa dell’emigrante” a Veppo, frazione del comune ligure di Rocchetta di Vara, in val di Vara, in provincia della Spezia. La manifestazione è in programma dal 14 al 17 agosto. Sempre in Liguria è stato invece un successo la Festa che si è tenuta a Favale di Màlvaro, comune di Genova, lo scorso 30 giugno. Alla festa hanno partecipato moltissimi ospiti provenienti da Cile, Argentina, Brasile e Perù. Successo anche per la Festa Provinciale dell'emigrazione che si è tenuta a Storo: il comune in provincia di Trento dal 5 al 7 luglio ha ospitato il tradizionale appuntamento estivo organizzato dall'Ufficio emigrazione della Provincia Autonoma di Trento, Associazione Trentini nel mondo, Unione delle Famiglie Trentine all'Estero, in collaborazione con il Comune di Storo, la Società Americana di Storo e le associazioni del posto. Il programma proponeva momenti di approfondimento sul tema della migrazione (come "Migranti di ieri e di oggi: il Trentino in movimento", una tavola rotonda su attualità e fenomeni migratori in Italia e in Trentino), recite teatrali (“Storo - America: verso la speranza” e "Nuovi viaggi:destinazioni noi") e una mostra (“Força Expedicionária Brasileira (FEB): i soldati di origine trentina al fronte italiano durante la II Guerra Mondiale). Una due giorni di festa – il 10 e 11 agosto – è invece in programma a Groppovisdomo, in provincia di Piacenza dove verrà inaugurato un monumento dedicato ai migranti e sarà possibile visitare una mostra fotografica. Stand gastronomici, intrattenimenti musicali e spettacoli sono in programma dal 3 al 5 agosto anche a Velo di Lusiana, in provincia di Vicenza. Ad Arpino, in provincia di Frosinone, in località Madonna Addolorata, la tradizionale Festa dell'Emigrante è in programma invece il 13 agosto. E se in alcune località del nostro Paese la festa dell’emigrante si celebra ormai da cinquant’anni c’è un Comune, sempre in provincia di Frosinone, Atina, dove è in programma quest’anno la prima edizione della festa: l’appuntamento è giovedì 8 agosto nel centro storico dove sono in programma mostre, visite guidate, convegni, concerti. E sempre ad agosto si tiene una festa dedicata ai connazionali all’estero a Sassano in provincia di Salerno: nel comune campano due anni fa è stata inoltre inaugurata la piazzetta dell'emigrante: un luogo pensato e voluto per testimoniare la gratitudine ai concittadini nel mondo. Ancora nel salernitano, a Montano Antilia, la festa dell’emigrante è in programma dal 12 al 14 agosto. Un appuntamento nato negli anni ’90 e rilanciato 5 anni fa che continua a rappresentare un momento di aggregazione sociale dove sapori, suoni e racconti rievocano le esperienze di quanti - ieri come oggi - hanno lasciato il Paese in cerca di un futuro migliore. Scendendo ancora più a sud, a Polìstena, comune della città metropolitana di Reggio Calabria, la festa dell'emigrante si terrà il 22 agosto presso il Giardino del Palazzo Municipale dove non mancherà la premiazione dei polistenesi emigrati. Sempre in Calabria, a Cirò in provincia di Crotone, il 14 agosto si terrà la festa dell’emigrante a cura dell’associazione "Cirò nel cuore”. Tutto pronto anche a Noci, in provincia di Bari, per la “Serata dell’emigrante” che lunedì 12 agosto in Piazza Garibaldi vedrà protagonista Teresa De Sio con il suo “Puro desiderio” tour. Questi sono solo alcuni dei numerosi appuntamenti in programma da nord sud questa estate: filo conduttore degli eventi la voglia di ritrovarsi, ricordare, raccontarsi. (NoveColonneATG)