Come ogni anno, al momento delle feste di fine anno, la nostra redazione interrompe le pubblicazioni per riprenderle dopo le feste. Con la lettera di auguri che riportiamo sotto, diamo inizio all'interruzione, per tornare lunedì 7 gennaio 2019,

con alcune modifiche sulla veste editoriale ed un aggiustamento delle rubriche. Come ogni anno comunichiamo ai nostri lettori, che il sito è aperto a tutte le collaborazioni, poichè scrivere a diverse mani arricchisce il sito e nella stesso tempo rende più plurale l'informazione stessa.

A tutte ed a tutti quindi, vadano i migliori auiguri per le feste di fine anno. Ci rivediamo l'anno prossimo. (Salvatore Augello)

FELICI FESTE DI FINE ANNO

Finisce un anno che non è stato certo felice per gli Italiani all’estero ed in particolare per i siciliani, completamente abbandonati da governi insensibili che nel tempo hanno cancellato ogni riferimento all’emigrazione, rifiutando anche un incontro per potere conferire con il Presidente di turno alla Regione, nel tentativo di rilanciare uno straccio di politica.

Ora abbiamo davanti un nuovo anno, che non promette certo bene, ma noi non ci rassegniamo a vanificare il lavoro delle Associazioni Regionali dell’emigrazione e quello della vasta rete associativa che le stesse hanno saputo mettere assieme, così come non ci rassegniamo a vedere vanificato il lavoro di tanti amici emigrati che hanno spero tempo e denaro a dare forza e forma ad un associazionismo che ha saputo fare il proprio dovere nei confronti dei nostri connazionali che nel passato sono stati costretti ad emigrare e non solo nel passato. Ancora oggi assistiamo all’impoverimento del tessuto sociale dei nostri paesi, da dove i giovani scappano andando spesso incontro all’ignoto, guidati dalla speranza di trovare altrove quello che la nostra terra non riesce a dare: un lavoro, una vita dignitosa, un incarico che consenta loro di utilizzare il loro titolo di studio faticosamente conseguito.

Il nostro augurio non può che essere una speranza di cambiamento reale, che per quanto riguarda la Sicilia riveda una politica per i siciliani all’estero degna di tale nome, riconoscente del lavoro e del sacrificio di tanti dirigenti che danno il loro tempo e le loro energie ad un associazionismo che non vogliono vedere morire e tanto meno strumentalizzare per altri fini estranei alle problematiche dell’associazionismo.

Nella speranza di un anno migliore di quello che ci lasciamo alle spalle, ci è gradito a nome della Direzione Generale dell’USEF e nostro personale, formulare i migliori auguri per le feste di fine anno, estensibile a tutti i soci dell’USEF ed alle loro famiglie.

 

IL PRESIDENTE                                                                              IL SEGRETARIO GENERAL

Angelo Lauricella                                                                                    Salvatore Augello